AIDS bufala

Aids e Global Fund: l’Italia dov’è?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In vista della VI Conferenza mondiale IAS che si svolgerà a Roma dal 17 al 20 luglio, le 13 principali associazioni italiane che insieme all’Istituto superiore di sanità hanno promosso il Forum della società civile Hiv/Aids fanno il punto della situazione.

Più di 34 milioni i sieropositivi nel mondo e 7 mila i nuovi casi ogni giorno. I più vulnerabili sono donne e bambini soprattutto dell’Africa sub sahariana, dove, per fortuna, “grazie ai finanziamenti internazionali per la prima volta nel 2009 i servizi di prevenzione hanno raggiunto una donna su due; è appena iniziata la stabilizzazione che non è affatto consolidata soprattutto nei paesi privi di servizi sanitari”, spiega Stefania Burdo dell’Osservatorio italiano sull’azione globale contro l’Aids.

Intanto, quanto agli aiuti, il rischio è la totale scomparsa dell’Italia dalla cooperazione mondiale nella lotta all’Aids. Il governo, infatti, ancora non ha ancora comunicato un piano di rientro per i finanziamenti 2009 e 2010 di 260 milioni di euro, e dei 30 milioni di dollari addizionali promessi nel 2009 al G8 dell’Aquila.

Una cura ancora non c’è e non c’è nemmeno un eguale accesso alle terapie, mentre sono all’ordine del giorno discriminazioni e violazioni della privacy. È per questo che il Forum della società civile Italiana Hiv/AIDS ha redatto la “Dichiarazione di Roma“, nella quale si ribadiscono al governo le azioni più urgenti, in primis riprendere a investire nella ricerca, tornare a finanziare il Global Fund e adeguare i servizi sanitari regionali alle linee guida elaborate dalla Commissione nazionale Aids.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.