Parkinson: un test del sangue consentirà una diagnosi precoce

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Obiettivo: diagnosticare in anticipo il Parkinson.

E sembra che siano sulla buona strada i neurologi e i biochimici diretti dal professor Leonardo Lopiano, del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Torino dell’ospedale Molinette, che, in collaborazione con il professor Mauro Fasano dell’Università dell’Insubria, hanno condotto una ricerca finanziata interamente dall’AAPP, l’Associazione Amici Parkinson Piemonte onlus.

Gli studiosi hanno identificato per la prima volta dei marcatori in alcune cellule del sangue grazie ai quali si potranno riconoscere i soggetti destinati a un esordio precoce del Parkinson o i soggetti affetti da altre malattie neurodegenerative.

La novità consiste nel cercare i marker nei linfociti, le cellule del sistema immunitario nel sangue che condividono alcune caratteristiche con i neuroni soggetti a degenerazione nella morbo di Parkinson e potrebbero riflettere a livello periferico alcune alterazioni biochimiche tipiche della malattia.

In Italia i malati di Parkinson sono più 220 mila e tendono ad aumentare con l’invecchiamento della popolazione.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.