immagine

Facebook e gli effetti collaterali: può provocare asma e stress

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Toglie il respiro, lascia senza fiato. È l’amore, sì, ma al tempo di Facebook. È la storia di un diciottenne napoletano abbandonato dalla ragazza. Storia che ora, finita sulle pagine di Lancet, si scopre avere un finale un po’ diverso dalle altre.

Lei lo lascia e lo cancella dalla lista dei suoi amici del più celebre dei social network. Lui è preso da attacchi d’asma: ogni volta che si collega a Facebook accusa crisi respiratorie, tanto da correre da psichiatra e pneumologo.

Terapia? Divieto assoluto di connettersi, così come documentano sulla prestigiosa rivista scientifica lo psichiatra Ferdinando Pellegrino, dell’Unità di salute mentale della Asl di Salerno e Gennaro D’Amato, primario dell’Unità operativa complessa di pneumologia a indirizzo allergologico dell’ospedale Cardarelli di Napoli.

Diciamo che anche il ragazzino si è dato la zappa sui piedi… Il 18enne, infatti, una volta resosi conto che la sua ex l’aveva eliminato dai suoi contatti, ne ha ottenuto nuovamente l’amicizia celandosi dietro un’altra identità. È a quel punto che ha visto le nuove foto e, quindi, la nuova vita della ex e ha iniziato ad avere crisi respiratorie.

Per capire se Facebook fosse veramente la causa delle crisi, i medici lo hanno sottoposto a un test chiedendogli di calcolare, con un misuratore del picco di flusso espiratorio, la massima velocità con cui poteva cacciare l’aria dai polmoni e vedere se, dopo l’accesso a Facebook, avesse una riduzione del flusso dell’ aria. Ebbene, il flusso si riduceva del 20%.

La comunicazione virtuale – ha spiegato Ferdinando Pellegrino – ricalca la vita di relazione reale, per cui può scatenare le stesse problematiche relative al relazionarsi con gli altri nella nella vita di tutti i giorni“.

La relazione temporale con la comparsa dei sintomi – spiega Gennaro D’Amato – suggerisce che l’accesso a Facebook è stato lo stimolo delle esacerbazioni asmatiche, in cui l’iperventilazione potrebbe aver giocato un ruolo chiave. Altri possibili fattori ambientali e infettivi sono stati esclusi dopo un accurato esame fisico e della sua storia. Questo caso indica che Facebook, e i social network in generale, potrebbero essere una nuova fonte di stress psicologico, rappresentando un fattore scatenante per le esacerbazioni negli asmatici depressi. Considerando l’elevata prevalenza dell’asma, soprattutto tra i giovani – ha concluso D’Amato – il caso ci suggerisce che questo tipo di fattore deve essere considerato nella valutazione delle esacerbazioni asmatiche“.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.