Sei stressato? Grazie a un semplice test ti basta respirare

stress

Quanto sei stressato? Respira profondamente se vuoi scoprirlo. Da oggi, infatti, è in questo modo che un semplice test per nulla invasivo può determinare il livello di stress, analizzando semplicemente il respiro. Lo hanno ideato i ricercatori dell'Imperial College di Londra, guidati dal professor Paul Thomas che, come spiega uno studio pubblicato sul Journal of Breath Research, hanno individuato 6 biomarcatori che potrebbero indicare se e quanto si è sotto stress.

I volontari che hanno collaborato allo studio hanno partecipato a due sessioni distinte. La prima volta si sono seduti comodamente ad ascoltare musica non stressante, mentre la seconda volta è stato richiesto loro di completare un test di aritmetica mentale, specificamente progettato per provocare stress. Sia prima che dopo i ricercatori hanno eseguito il test del respiro mentre lo stato del cuore e della pressione sanguigna sono stati monitorati per tutto il corso dell'esperimento. Risultato? Il test era riuscito a rilevare i diversi livelli di stress.

"La nostra attuale area di ricerca sta sviluppando dei test per individuare le malattie croniche e stiamo tentendando di farlo attraverso l'analisi del respiro", ha spiegato il professor Thomas. Al momento, la raccolta di campioni di aria espirata avviene in clinica, ma molto spesso le persone in attesa di ricevere cattive notizie sono stressate. "La motivazione principale dello studio è stata quella di verificare se ci fossero componenti del respiro che si potessero associare con lo stress, quindi che ci permettessero di escludere lo stress come un fattore di confusione nella diagnostica per le altre malattie", continua l'autore.

Un test così semplice e non invasivo per valutare i livelli di stress potrebbe rivelarsi utile anche per le tante persone, spesso vulnerabili, che hanno difficoltà a parlare del loro emozionale, come persone affette da demenza o che soffrono di Alzheimer.

Roberta Ragni

Leggi anche:

- Stress da lavoro: cause, sintomi e conseguenze

- Stress e sonno: dopo la pensione dormirete meglio