L’isolamento sociale da giovani può avere gravi effetti sul lungo termine

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La pandemia da COVID-19 ha reso necessario un diffuso isolamento sociale, che ha colpito tutte le età della nostra società globale. Ora, una nuova ricerca sul Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry (JAACAP), pubblicato da Elsevier, riporta le prove disponibili sui bambini e i giovani in particolare, affermando che la solitudine è associata a problemi di salute mentale, tra cui la depressione e l’ansia, che li colpiscono potenzialmente anni dopo.

L’analisi, che sintetizza più di 60 studi pre-esistenti, su argomenti che spaziano dall’isolamento, la solitudine e la salute mentale per i giovani di età compresa tra i 4 e i 21 anni, ha trovato ampie prove di un’associazione tra la solitudine e un aumento del rischio di problemi di salute mentale per i bambini e i giovani.

“Con le chiusure delle scuole e degli altri luoghi di aggregazione, nella migliore delle ipotesi i giovani possono incontrarsi all’aperto solo in piccoli gruppi, le probabilità sono che molti sono soli (e continuano ad esserlo nel tempo),” ha detto l’autore principale, Maria Loades, DClinPsy, Senior Lecturer in Clinical Psychology presso l’Università di Bath, Regno Unito.

“Questa analisi di ciò che è noto sulla solitudine e il suo impatto sulla salute mentale nei bambini e nei giovani ha scoperto che la solitudine è associata sia alla depressione che all’ansia. Questo si verifica quando gli studi hanno misurato sia la solitudine che la salute mentale nello stesso momento; quando la solitudine è stata misurata separatamente; e quando la depressione e l’ansia sono state misurate successivamente, fino a 9 anni dopo”, ha aggiunto il Dr. Loades. “Di rilevanza per il contesto di COVID-19, abbiamo trovato alcune prove che è la durata della solitudine che è più fortemente associata a problemi di salute mentale successivi”.

Dagli studi è emerso che i bambini e i giovani che si sentono soli potrebbero avere tre volte più probabilità di sviluppare depressione in futuro e che l’impatto della solitudine sulla salute mentale, come i sintomi depressivi, potrebbe durare per anni. Ci sono anche prove che la durata della solitudine può essere più importante, rispetto all’intensità della solitudine, nell’aumentare il rischio di depressione futura tra i giovani.

Per molti giovani, la solitudine diminuirà man mano che ristabiliranno i contatti sociali e le connessioni, man mano che l’isolamento si attenuerà (ad esempio, al ritorno a scuola o all’università). Per alcuni il senso di solitudine può persistere mentre lottano per riprendere la vita sociale, in particolare per coloro che erano più vulnerabili all’isolamento sociale prima dell’isolamento.

“È fondamentale che i bambini e i giovani possano tornare il prima possibile ad attività come giocare insieme, anche se all’aperto, e che possano riprendere a frequentare la scuola, che dà loro una struttura per la loro giornata, e fornisce loro l’opportunità di vedere i coetanei e di ricevere sostegno dagli adulti al di fuori della famiglia”, ha detto il Dr. Loades.

Insomma, mentre facciamo tutto il possibile per mitigare gli effetti della solitudine e ristabilire i legami sociali, dobbiamo anche prepararci a un aumento dei problemi di salute mentale, in parte dovuti alla solitudine, e anche alle altre conseguenze indesiderate dell’isolamento, come la mancanza di struttura, l’inattività fisica e l’ansia sociale e/o di separazione che potrebbero essere scatenate quando si riprendono le interazioni sociali al di fuori della casa.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Classe 1984, laureata in comunicazione d'impresa, da sempre appassionata di bellezza. Sempre al passo coi tempi, ama seguire le ultime tendenze in fatto di benessere e alimentazione.