primoappuntamento

Primo appuntamento? Occhi ben aperti…

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vi ricordate quello speciale tete à tete, voi due che eravate occhi negli occhi, le luci soffuse nel locale e una sensazione di frenesia interiore vi faceva pensare “mi sto innamorando”? Ah! Sì, momenti davvero magici e irripetibili, di quelli che con la razionalità o con la scienza non potrebbero mai avere nulla a che fare. O forse no?

Forse Cupido non era un angioletto munito di arco e freccette con la punta a forma di cuore: forse era un cardiologo, un sociologo, o ancora meglio, un neurofisiologo come quelli della Brook University di New York, che hanno appena pubblicato, su Social Cognitive Affective Neuroscience, uno studio che vi stupirà, e vi farà dire “ecco cos’era!”.

È quella luce che lui o lei avevano negli occhi, signori e signore. È colpa di quello sguardo languido, che altro non era che una semplice e automatica dilatazione delle pupille: dettata dalla luce soffusa, ma anche e soprattutto dall’eccitamento dovuto all’attrazione sessuale.

Si tratta, scientificamente, della manifestazione esterna di un processo interno più complesso: i ricercatori americani hanno infatti studiato, tramite la risonanza magnetica funzionale, cosa succede nel cervello dei due innamorati, e hanno scoperto che si attivano aree cerebrali implicate nei meccanismi del compenso, dell’attaccamento materno e dell’amicizia, dell’attività sessuale, e tutte queste preziose aree del cervello hanno in comune il neurotrasmettitore del piacere: la dopamina (santa subito!).

Fanno eccezione i soggetti miopi: loro hanno per natura una pupilla più dilatata (informatevi dunque per capire se la persona in questione sta perdendo la testa per voi o sta perdendo l’ennesima diottria!).

Che scoperta, direte voi: già le nostre antenate del ‘500, senza andare su Internet o consultare le riviste scientifiche, la sapevano lunga su quest’argomento: infatti usavano le gocce di belladonna (nome azzeccatissimo, no?) per dilatarsi le pupille e rendere più seducente il proprio sguardo.

Se avessero avuto anche il mascara, li avrebbero proprio storditi, quei poveri damerini.

Ma ora balziamo di mezzo millennio in avanti, e ritorniamo a noi, che abbiamo appena scoperto il segreto dell’innamoramento e, da questo momento, possiamo ridefinire regole e strategie per i prossimi appuntamenti. E mi raccomando, che siano appuntamenti al buio, ma proprio alla lettera: abbassate le luci e godetevi la compagnia del vostro prossimo amore, poi osservate se qualcosa si dilata. Ma cosa avevate capito? Parliamo della pupilla!

All’uopo, leggetevi anche la nostra GUIDA ALLA CONTRACCEZIONE

Marina Piconese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.