ritardare orgasmo femminile

©rattanakun/canva

Come ritardare l’orgasmo femminile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Forse non molti lo sapranno, ma anche le donne possono vivere quello che per gli uomini è chiamato eiaculazione precoce, per cui si raggiunge l’orgasmo prima di quanto si desidera.

Tuttavia, l’orgasmo femminile precoce non è molto comune e non è stato neanche abbastanza studiato dalla scienza, ma può comunque rappresentare una fonte di disagio.

Anche a te capitato almeno una volta di raggiungere l’orgasmo più rapidamente di quanto avresti voluto? Ecco a te alcuni consigli per ritardarlo.

Leggi anche: Orgasmo femminile: come averlo lungo e intenso

Cos’è l’orgasmo precoce

Se per definizione l’eiaculazione precoce avviene quando qualcuno prova piacere più rapidamente di quanto vorrebbe (entro un minuto dalla penetrazione) nel 75% o più dei loro incontri sessuali, sull’orgasmo femminile precoce si sa ben poco.

Infatti, l’orgasmo precoce femminile è considerato un fenomeno abbastanza raro ed è quasi sconosciuto nella letteratura scientifica.

Tuttavia, uno studio del 2011, pubblicato sulla rivista Sexologies, avrebbe evidenziato quanto fosse comune l’orgasmo precoce femminile in un gruppo di 510 donne portoghesi di età compresa tra i 18 ei 45 anni.

Più precisamente, circa il 40% delle donne sessualmente attive ha manifestato episodi occasionali di orgasmo prematuro, il 14% li aveva frequentemente e il 3% li aveva sempre. Il restante 42% delle donne non ha mai avuto problemi con orgasmi prematuri.

Così come l’eiaculazione precoce, anche l’orgasmo precoce femminile può essere angosciante per entrambi i partner, poiché è molto comune per alcune donne perdere interesse dopo un orgasmo.

Alcuni consigli per ritardare l’orgasmo femminile

Al momento non esistono trattamenti ufficiali per l’orgasmo femminile precoce, ma alcuni piccoli consigli potrebbero essere utili.

Concentrazione è la parola chiave

Spesso si pensa che la distrazione possa davvero aiutare a ritardare l’orgasmo, in realtà potrebbe anche peggiorare le cose.

La chiave per gestire la situazione è quella di prestare più attenzione, soprattutto nel riconoscere quando stai per raggiungere l’orgasmo per poter fare un respiro profondo e rallentare.

In questo modo, sarai in grado di fare delle pause durante il sesso per cambiare attività o posizione.

Terapia sessuale

Spesso alla base dell’orgasmo precoce c’è un disagio fisico, emotivo o psicologico, che impedisce di comprendere quando si sta raggiungendo l’orgasmo e di poter fare qualcosa al riguardo.

Per questo motivo, può essere molto utile seguire una terapia sessuale o una terapia di coppia. Così, uno specialista saprà aiutarti a superare eventuali problemi.

Il terapeuta ti aiuterà fornendo anche esercizi pratici, come gli esercizi kegel per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico o il metodo start-and-stop.

Tra i vari esercizi, la focalizzazione sensoriale è uno dei più utilizzati ed efficaci. Si tratta di una serie di esercizi tattili progettati per allontanare ridurre l’ansia sessuale.

Conclusione

L’orgasmo femminile precoce è raro, ma esiste e può causare una serie di disagi in chi lo sperimenta. 

Se anche per te l’orgasmo precoce sta diventando un problema importante, rivolgiti al tuo medico o ad un terapista sessuale, in grado di aiutarti a trovare le cause del problema.

Fonte: blueheart.io

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in sociologia e studentessa in media, comunicazione digitale e giornalismo. Curiosa e creativa, le sue passioni sono la scrittura, gli animali e il buon cibo. La sua lingua madre è il dialetto siciliano.
Seguici su Facebook