Ecco perché non fare la spesa quando hai fame

spesa

Arrivano prove a sostegno di ciò che molte persone hanno imparato da sole: mai andare a fare la spesa quando si ha fame.

I ricercatori Aner Tal e Brian Wansink della Cornell University di Ithaca (USA) hanno scoperto che le persone che non avevano mangiato per tutto il pomeriggio hanno scelto più cibi ad alto contenuto calorico rispetto a quelli che hanno fatto una merenda prima di fare la spesa, sia in un supermercato virtuale online che in uno reale.

La ricerca, pubblicata su JAMA Internal Medicine, aveva come obiettivo quello di capire come la fame influenzi le scelte alimentari. Per lo studio di laboratorio, il team ha chiesto a 68 adulti di non mangiare per cinque ore prima di fare la loro spesa nel tardo pomeriggio. Prima di iniziare l'esperimento, hanno dato alla metà dei partecipanti uno spuntino per saziare la loro fame. Poi hanno chiesto loro di fare acquisti in un negozio simulato di alimentari online.

In media, entrambi i partecipanti, sia quelli affamati che quelli sazi, hanno comprato otto prodotti alimentari a basso contenuto calorico, che comprendevano alcuni tipi di prodotti lattiero-caseari, carni e snack. I partecipanti affamati, però, hanno comprato anche sei voci con più alto contenuto calorico, rispetto a quattro acquistati da persone che avevano fatto uno spuntino.

Allo stesso modo nello studio sul campo nel negozio vero, i ricercatori hanno osservato gli acquisti di 82 persone, scoprendo che il rapporto tra cibi ad alto contenuto calorico e quelli a basso contenuto calorico era più sano tra le 13.00 e le 16.00 che tra le 16.00 e le 17.00.

Morale della storia? Per evitare questo comportamento, che potrebbe essere il retaggio di un particolare momento evolutivo in cui per l'uomo era essenziale trovare cibo ad alto contenuto calorico dopo un lungo digiuno, meglio fare uno spuntino, con, ad esempio, un po' di frutta, prima di andare a fare la spesa. O masticare una gomma mentre si passa per le corsie: mitigherà gli effetti della fame. Se possibile, infine, meglio fare shopping nelle ore in cui si è meno vulnerabili, come subito dopo pranzo.

Roberta Ragni

Leggi anche:

- Social Shopping: come non farsi prendere la mano dall'acquisto di coupon