innamoramento

Se hai idealizzato il partner, il tuo matrimonio durerà (forse)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che l’innamoramento offuscasse la mente l’ho sempre pensato.

Sì, insomma, vedere il proprio partner come un idolo, bello, alto, gentile e forte, mentre, in realtà, ha i rotoli di ciccia che traboccano dalla cinghia, è bassotto, rutta davanti alle partite di calcio e ha bisogno di voi per cambiare una lampadina… Bè, questo è amore.

Adesso ci arriva la conferma da uno studio condotto all’Università di Buffalo e pubblicato su Psychological Science. L’autrice, la dottoressa Sandra Murray, ha voluto indagare sui perché e i per come certi matrimoni funzionano.

E, al di là delle 7 regole che bisognerebbe seguire per fare in modo che il matrimonio sia felice, viene fuori che – semplice – perché la vita coniugale non vada in frantumi è sufficiente vedere solo i pregi del partner.

La studiosa americana ha preso in esame 193 coppie nel momento in cui si sono sposate e poi a intervalli di sei mesi nei primi tre anni di convivenza. I soggetti dovevano descrivere i propri partner con caratteristiche positive (gentile, divertente, comprensivo, caloroso) oppure negative (immaturo, pigro, critici, lunatico, distante). I ricercatori hanno creato così un identikit del compagno ideale. Poi, in un secondo momento, hanno misurato i benefici del rapporto in termini di autostima, attaccamento e nevrosi reciproche.

Dice la Murray: “Le persone sono molto brave a cambiare le loro definizioni in modo che corrispondano a come vogliono vedere se stessi o come vogliono vedere gli altri”. Il risultato è che coloro che idealizzano di più le virtù del partner vivono la vita di coppia con più soddisfazione e felicità.

E voi? Disposti a lasciarvi i prosciutti sugli occhi?

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Facebook