bambini e la grammatica

Bimbi: già a 4 mesi possono imparare le regole grammaticali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il momento migliore per insegnare una lingua ad un bambino è, senza dubbio, la prima infanzia.

Ma un recente studio del Max Planck Institut, finanziato dalla Ue e pubblicato sulla rivista PLoS One, dimostra che l’apprendimento dei più piccoli può davvero sorprenderci, iniziando addirittura all’età di 4 mesi: i neonati sarebbero infatti in grado di distinguere già a questa età i vari fonemi presenti nelle sillabe, riconoscendo tra l’altro le relazioni tra sillabe adiacenti che compaiono frequentemente insieme.

La ricerca è stata condotta su lattanti tedeschi di 4 mesi a cui sono state fatte ascoltare, per poco più di tre minuti, alcune frasi in italiano in cui comparivano due semplici costruzioni: “sta X-ando” (ad esempio “il fratello sta cantando”), e “può X-are” (ad esempio “la sorella può cantare”). Dopo questa prima fase, i piccoli sono stati sottoposti a un piccolo test, nel corso del quale hanno ascoltato frasi corrette e frasi scorrette, come “la sorella può cantando” o “il fratello sta cantare”.

Nel corso del test, composto da 4 fasi, per un totale di 256 frasi corrette e poco più di 13 minuti di ascolto, è stata misurata l’attività cerebrale dei bebè: nella quarta fase emergevano pattern di attivazione cerebrale diversi, a conferma del fatto che i neonati avevano appreso che “sta” va con “-ando” e “può” con “-are”. Ovviamente a quest’età, come spiega la professoressa Friederici che ha guidato lo studio, i bambini non capiscono l’errore a livello di significato, ma la ricerca dimostrerebbe che riescono ad apprendere le regole grammaticali in base al suono della lingua.

Inoltre, i modelli di attività cerebrale registrati durante la sperimentazione, erano molto più simili a quelli di un madrelingua italiano che non a quelli di adulti tedeschi che studiavano l’italiano, a conferma che l’apprendimento della madrelingua potrebbe essere relegato ad una breve fase iniziale dello sviluppo.

Eleonora Cresci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Facebook