donna risveglio felice

123rf/Iakobchuk

Cosa succede alla nostra mente quando pensiamo al futuro?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nei momenti di calma, al nostro cervello piace vagare. Tuttavia, nonostante in questi casi vi sia evidentemente una scarsa stimolazione esterna, una parte del cervello (rete di modalità predefinita – DMN) si impegna più duramente senza che se ne abbia una piena consapevolezza. Una regione che sembra essere attiva quando alle persone non viene chiesto di fare qualcosa in particolare, ma solo se viene domandato di fare qualcosa a livello cognitivo – afferma il neuroscienziato della Penn, Joseph Kable.

Sebbene a lungo i ricercatori abbiano sospettato che questa rete neurale giochi un ruolo fondamentale nell’immaginare il futuro, pochi sapevano svelare in che modo funziona la DMN. Ora, la ricerca di Kable e di due ex studenti laureati nel suo laboratorio, Trishala Parthasarathi, direttore associato dei servizi scientifici presso OrtleyBio, e Sangil Lee, un postdoc all’Università della California, Berkeley, sta facendo luce sulla questione in maniera davvero molto interessante.

In particolare, in un articolo pubblicato sul Journal of Neuroscience, il team di ricerca ha scoperto che, quando si tratta di immaginare il futuro, la rete di modalità predefinita in realtà si divide in due parti complementari. Una aiuta a creare e prevedere l’evento immaginato, ciò che i ricercatori chiamano la funzione “costruttiva”. L’altra valuta se quell’evento appena costruito è positivo o negativo, ciò che chiamano la funzione “valutativa”.

È una divisione ordinata“, dice Kable. “Quando gli psicologi parlano del perché gli umani hanno la capacità di immaginare il futuro, di solito è per poter decidere cosa fare, pianificare, prendere decisioni. Ma una funzione critica è la funzione valutativa; non si tratta solo di inventare una possibilità, ma anche di valutarla come buona o cattiva“.

I ricercatori sottolineano poi come la DMN comprenda la corteccia prefrontale ventromediale, la corteccia posteriore e le regioni dei lobi temporali e parietali mediali, come l’ippocampo. Il nome è appropriato, dice Kable. “Quando si mettono le persone in uno scanner cerebrale e si chiede loro di non fare nulla, di sedersi lì, queste sono le regioni del cervello che sembrano essere attive“, dice.

La ricerca precedente aveva già rivelato quali aree compongono il DMN e che la costruzione e la valutazione di eventi immaginati attiva diversi componenti. Kable ha voluto testare ulteriormente questa idea, per individuare meglio le regioni implicate e ciò che sta accadendo in ciascuna.

Per farlo, lui e il suo team hanno creato uno studio in cui 13 donne e 11 uomini hanno ricevuto suggerimenti mentre erano in una macchina di risonanza magnetica funzionale (fMRI). I partecipanti hanno avuto sette secondi per leggere uno dei 32 spunti come: “Immagina di essere seduto su una spiaggia calda su un’isola tropicale” o “Immagina di vincere la lotteria il prossimo anno“. Poi hanno avuto 12 secondi per pensare allo scenario, seguito da 14 secondi per valutare la vividezza e la valenza.

La vivacità è il grado in cui l’immagine che viene in mente ha un sacco di dettagli e quanto questi dettagli sono soggettivamente pop rispetto all’essere vaghi“, dice Kable. “La valenza è una valutazione emotiva. Quanto è positivo o negativo l’evento? È qualcosa che vuoi che accada o no?”.

I partecipanti sono stati coinvolti nel processo quattro volte. Ogni volta, i ricercatori della Penn hanno osservato l’attività cerebrale dalla fMRI, trovando ottime conferme.

In particolar modo, “una rete, che chiameremo la rete dorsale di modalità predefinita, è stata influenzata dalla valenza. In altre parole, era più attiva per gli eventi positivi che per quelli negativi, ma non era affatto influenzata dalla vivacità. Tale rete sembra essere coinvolta nella funzione valutativa“, dice Kable.

L’altra sottorete, la rete ventrale di modalità predefinita, era più attiva per eventi altamente vividi che per eventi senza dettagli. “Ma non era influenzata dalla valenza“, dice. “Era ugualmente attiva sia per gli eventi positivi che per quelli negativi, mostrando che la rete è davvero coinvolta nella costruzione dell’immaginazione”.

I risultati dello studio offrono un primo passo verso la comprensione della base delle capacità immaginative, con qualche valutazione già sostenibile: “è possibile che il futuro non sia così vivido, non sia così tangibile e dettagliato e concreto come qualcosa proprio di fronte a te“, sostengono i ricercatori.  

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, collabora dal 2005 con alcuni dei principiali network nazionali dell'informazione online.