Perché ricordiamo alcune cose, e ci scordiamo di altre?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ti ricordi cosa hai mangiato questa mattina a colazione? Forse si, ma magari potresti non ricordare il colore della tazza. O magari non ricordi come era vestita la tua collega d’ufficio.

Ebbene, se ti stai domandando perché ricordi alcune cose, ma non altre, sappi che alcuni ricercatori si sono recentemente occupati proprio di questo tema.

Un nuovo studio della Northwestern Medicine ha infatti migliorato la memoria di eventi complessi e realistici simili a questi applicando la stimolazione magnetica transcranica (SMT) alla rete cerebrale responsabile della memoria. Gli autori hanno poi fatto guardare ai partecipanti video di attività realistiche per misurare come funziona la memoria durante i compiti quotidiani. I risultati dimostrano che è possibile misurare e manipolare tipi realistici di memoria. Ma come?

A spiegarcelo è l’autrice principale dello studio, Melissa Hebscher, della Northwestern University Feinberg School of Medicine, secondo cui “ogni giorno dobbiamo ricordare eventi complessi che coinvolgono molti elementi, come diversi luoghi, persone e oggetti. Siamo stati in grado di dimostrare che la memoria per eventi complessi e realistici può essere migliorata in modo sicuro e non invasivo utilizzando la stimolazione cerebrale“.

Lo studio è stato condotto su giovani adulti sani in un ambiente di laboratorio controllato. Questi metodi, tuttavia, potrebbero anche essere utilizzati per migliorare la memoria in individui con disturbi della memoria dovuti a danni cerebrali o disturbi neurologici – hanno detto i ricercatori.

Gli autori hanno usato la SMT con l’obiettivo di alterare l’attività cerebrale e la memoria per eventi realistici. Immediatamente dopo la stimolazione, i soggetti hanno eseguito un compito di memoria mentre avevano il loro cervello scansionato utilizzando la risonanza magnetica funzionale (RMF).

Invece di mostrare ai partecipanti allo studio immagini o liste di parole – pratiche tipiche nei test di laboratorio che analizzano la memoria – i partecipanti a questo studio hanno guardato video di attività quotidiane come qualcuno che piega il bucato o porta fuori la spazzatura. Dopo la stimolazione, i partecipanti allo studio hanno risposto più accuratamente alle domande sul contenuto dei video clip, come identificare il colore della camicia indossata da un attore o la presenza di un albero sullo sfondo.

Inoltre, lo studio ha scoperto che la stimolazione cerebrale ha portato a una maggiore qualità di reintegrazione dei ricordi nel cervello. La reintegrazione è quando il cervello riproduce o rivive un evento originale, ha detto Hebscher. Dopo la stimolazione, l’attività cerebrale di una persona mentre guardava un video assomigliava di più alla sua attività cerebrale quando ricordava quello stesso video.

Questo è il motivo per cui ricordare può a volte sembrare un ‘viaggio mentale nel tempo’. I nostri risultati mostrano che la stimolazione migliora questo “viaggio mentale nel tempo” nel cervello e migliora l’accuratezza della memoria. Questi risultati hanno implicazioni per lo sviluppo di modi sicuri ed efficaci per migliorare la memoria del mondo reale” – affermano ancora gli autori.

Gli autori dello studio hanno usato una tecnica di imaging cerebrale chiamata analisi del modello multivoxel per confrontare i modelli di attività cerebrale quando i soggetti stavano guardando un video con l’attività cerebrale quando i soggetti stavano ricordando lo stesso video. Gli scienziati hanno così misurato l’effetto della stimolazione confrontando la memoria e l’attività cerebrale dopo la stimolazione della rete della memoria con le stesse misure dopo la stimolazione di una regione del cervello di controllo che non appartiene alla rete della memoria.

Durante il test di memoria, i soggetti guardavano una grande serie di video clip e successivamente li ricordavano e rispondevano a domande vero/falso sul contenuto dei video. I ricercatori hanno scoperto che la stimolazione della rete della memoria ha migliorato il numero di domande a cui i soggetti hanno risposto correttamente. Ha anche aumentato il reintegro dei video nelle regioni cerebrali associate all’elaborazione visiva.

“Gli studi successivi lavoreranno per raccogliere misure più affidabili della rete cerebrale responsabile della memoria in soggetti sani e in pazienti con disturbi della memoria”, ha detto Hebscher. “Avere una misura più affidabile di questa rete ci aiuterà a identificare più facilmente la reintegrazione nel cervello e può aiutare a migliorare l’efficacia della stimolazione per migliorare la memoria”.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laurea in Economia e commercio, da sempre appassionato di scrittura online e di mondo femminile in particolare: moda, capelli, bellezza.