ictus

Ictus, scoperto un gene che costituisce un importante fattore di rischio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un team di ricercatori di Geisinger ha identificato una variante genetica comune che opera come fattore di rischio per l’ictus, soprattutto nei pazienti di età superiore ai 65 anni.

La malattia cerebrale dei piccoli vasi sanguigni causa circa un quarto degli ictus ischemici in tutto il mondo ed è la causa più comune di demenza vascolare. La condizione può manifestarsi sotto forma di lesioni cerebrali, che tipicamente compaiono sulle immagini della scansione cerebrale, ed è tipicamente associata all’invecchiamento e all’ipertensione, sebbene sia stato scoperto che una minoranza dei casi è causata da varianti che alterano la cisteina nel gene NOTCH3. Circa 1 persona su 300 ha questo tipo di variante genica, una rara condizione ereditaria nota come arteriopatia cerebrale autosomica dominante con infarti sottocorticali e la leucoencefalopatia, o CADASIL, che è causata da questa variante genica, è stata associata alla condizione di cui sopra e, dunque, ad un aumentato rischio di ictus.

Nel loro studio, pubblicato su Stroke, i ricercatori hanno valutato una serie di cartelle cliniche, compresi i dati di imaging e di sequenziamento genomico, di oltre 300 pazienti di Geisinger, di cui 118 hanno mostrato una variante NOTCH3.

Di questo gruppo, il 12,6% aveva una storia di ictus, rispetto al 4,9% di quelli di un gruppo di controllo. Il rischio di ictus era significativamente più alto in quelli di età superiore ai 65 anni, e i pazienti mostravano un numero maggiore di lesioni di materia bianca nel cervello. Sebbene tutti i 118 pazienti del gruppo di studio avessero una variante genetica NOTCH3, la variante specifica che causa CADASIL è stata in realtà intercettata piuttosto raramente.

Data l’alta frequenza di popolazione delle varianti NOTCH3, il numero di individui che possono essere a più alto rischio di tale condizione e di ictus come risultato di una variante NOTCH3 è significativo, ha scritto il team di ricerca. Lo studio indica che la maggior parte degli individui con una variante NOTCH3 svilupperà la condizione di cui parliamo, associata alla NOTCH3, dopo i 65 anni di età.

L’ictus è una condizione multifattoriale complessa“, ha dichiarato Vida Abedi, Ph.D., scienziata del dipartimento di genomica molecolare e funzionale di Geisinger e coautrice dello studio. “La dissezione dei suoi fattori di rischio e l’identificazione di modi per migliorare i risultati dei pazienti è una parte cruciale per migliorare la cura del paziente”.

“Questo studio rappresenta un approccio nuovo e potente allo studio delle basi genetiche delle malattie neurologiche”, ha poi fatto eco Ramin Zand, M.D., neurologo vascolare e clinico-scienziato di Geisinger e co-autore dello studio. “Le risorse uniche di Geisinger, le sue cartelle cliniche elettroniche e l’attenzione alla medicina di precisione ci permettono di sfruttare questi dati per fornire una migliore assistenza a tutti i nostri pazienti”.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, collabora dal 2005 con alcuni dei principiali network nazionali dell'informazione online.