materassi

Curare l’insonnia, i farmaci sono davvero efficaci?

L’uso a lungo termine di medicinali per contrastare l’insonnia non sembra migliorare il sonno disturbato nelle donne di mezza età. Ad affermarlo è una ricerca pubblicata sulla rivista online BMJ Open, che apre alcuni scenari interpretativi piuttosto interessanti in questo diffuso tema, rammentando che non vi sarebbe alcuna differenza nella qualità o nella durata del sonno tra coloro che hanno preso e non hanno assunto questi farmaci per 1 o 2 anni.

Il “sonno disturbato”, inteso come difficoltà ad addormentarsi e/o a rimanere addormentati e a svegliarsi presto, è un disturbo piuttosto comune, che riguarda milioni di persone in tutta Europa.

Si tratta altresì di un fastidio da non sottovalutare: la scarsa qualità del sonno è associata a problemi di salute, tra cui diabete, pressione alta, dolore e depressione, tanto che vari farmaci vengono spesso prescritti dai medici per indurre il sonno, come benzodiazepine, zolpidem, zaleplon ed eszopiclone, così come altri agenti per lo più destinati ad altre condizioni correlate, come l’ansia e la depressione.

Ebbene, i dati degli studi clinici a nostra disposizione indicano che molti di questi farmaci funzionano a breve termine (fino a 6 mesi), ma… che l’insonnia può essere cronica, tanto che diverse persone assumono questi farmaci per più tempo.

Lo studio sull’insonnia e sui farmaci

I ricercatori hanno quindi voluto valutare l’efficacia dei farmaci utilizzati per affrontare l’insonnia a lungo termine tra un gruppo etnicamente diverso di donne di mezza età che avevano sviluppato disturbi del sonno, qualificati come difficoltà ad addormentarsi, frequenti risvegli e risvegli anticipati e valutati su una scala a 5 punti, che va da nessuna difficoltà in nessuna notte (1) a difficoltà in 5 o più notti della settimana (5), riportati durante una media di 21 anni di monitoraggio.

I disturbi del sonno, misurati sulla scala di valutazione, sono stati confrontati tra coloro che hanno preso e non hanno preso farmaci per migliorare il loro sonno dopo 1 e 2 anni. Quindi, 238 donne che hanno iniziato a usare farmaci per affrontare l’insonnia durante il periodo di monitoraggio sono state abbinate a 447 donne che non hanno preso questi farmaci.

Entrambi i gruppi di donne hanno riportato difficoltà ad addormentarsi 1 notte su 3, a svegliarsi spesso 2 notti su 3 e a svegliarsi presto 1 notte su 3 della settimana. Più del 70% delle donne di entrambi i gruppi ha riportato un sonno disturbato almeno 3 volte a settimana.

Ciò premesso, le valutazioni dei disturbi del sonno erano simili tra i due gruppi di donne. Quelle che prendevano farmaci su prescrizione per i loro problemi di sonno avevano infatti punteggi medi per la difficoltà di addormentarsi, svegliarsi spesso, e per svegliarsi presto pari a 2.7, 3.8, e 2.8 rispettivamente. Questo si confronta con valutazioni equivalenti di 2.6, 3.7, e 2.7, rispettivamente, per coloro che non prendono farmaci su prescrizione per avere una buona notte di sonno.

Dopo 1 anno, le valutazioni medie tra coloro che prendono i farmaci erano 2.6, 3.6, e 2.8. I punteggi medi equivalenti tra coloro che non usano farmaci da prescrizione per i loro problemi di sonno erano 2.3, 3.5, e 2.5.

Nessuno dei cambiamenti a 1 anno era statisticamente significativo né differiva tra i due gruppi. E dopo 2 anni non c’erano riduzioni statisticamente significative nei disturbi del sonno tra coloro che prendevano farmaci con prescrizione rispetto a quelli che non lo facevano.

Naturalmente, questo è stato meramente uno studio osservazionale, e come tale non può stabilire la causa, ma solo la correlazione. Inoltre, circa la metà delle donne erano attuali o ex fumatori e 1 su 5 erano bevitori moderati o pesanti, situazioni che possono influenzare la qualità del sonno.

Le informazioni raccolte sui farmaci di prescrizione sono state raccolte solo alle visite di studio annuali o biennali, e ci possono essere intermittenti o periodi di nessun uso tra le visite, dicono i ricercatori. Né c’erano misure oggettive della qualità del sonno.

Tuttavia, concludono i ricercatori, “i disturbi del sonno sono comuni e in aumento. L’uso di farmaci per il sonno è cresciuto, e sono spesso utilizzati per un lungo periodo, nonostante la relativa mancanza di prove da [studi randomizzati controllati]“.

Conclusioni

In ogni caso, aggiungono ulteriormente i ricercatori, questi farmaci potrebbero funzionare bene in alcune persone con disturbi del sonno per diversi anni, ma i risultati di questo studio dovrebbero far riflettere i medici prescrittori e i pazienti che pensano di prendere farmaci per i disturbi del sonno nella mezza età.

È evidente che, anche in questo caso, non possiamo che ricordare come lo studio non abbia una valenza assoluta. Pertanto, se hai dei problemi di sonno più o meno manifesti e duraturi, il nostro suggerimento non può che essere quello di rivolgerti al tuo medico di riferimento, condividendo con lui i sintomi che stai manifestando e come sono iniziati o peggiorati nel corso del tempo.

Classe 1984, laureata in comunicazione d'impresa, da sempre appassionata di bellezza. Sempre al passo coi tempi, ama seguire le ultime tendenze in fatto di benessere e alimentazione.