falso medico

Dal 1 gennaio scatta la riforma per le domande di invalidità civile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anno nuovo, procedure per il riconoscimento dell’invalidità civile nuove. Entrerà, infatti, in vigore, proprio dal 1° gennaio 2010, la riforma che renderà esecutivo quanto disposto dall’articolo 20 della legge 102/2009.

Per ottenere i benefici in materia di invalidità, cecità, sordità, handicap e disabilità, le domande da presentare all’INPS avranno così un’iter burocratico più snello e tempi di risposta sensibilmente ridotti (entro i 120 giorni), grazie al coordinamento delle fasi amministrativa e sanitaria previste dal protocollo siglato ieri tra l’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale e la Regione Toscana.

La nuova organizzazione metterà l’INPS nella condizione di gestire il processo dell’invalidità civile in collaborazione con le ASL attraverso una nuova procedura informatica che garantirà la trasparenza e la tracciabilità di ogni singola domanda presentata, in linea con quanto disposto per gli atti della Pubblica Amministrazione

Verrà inoltre costituito un Comitato tecnico con le Regioni e una Consulta Nazionale aperta a tutti i soggetti che intendano monitorare lo stato di attuazione della riforma. Il tutto a garanzia della legalità e del cittadino.

Anche perché la voce “Invalidità Civile” ha pesato sul bilancio 2009 dell’INPS per ben 16 miliardi di Euro, destinati a raggiungere quota 17 miliardi nel prossimo anno, quando sono previsti circa 2,8 milioni di beneficiari.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.