Il cervello del bebè memorizza le parole già nel grembo materno

Cervello-bebe

Se avete voglia di parlare con il feto nel grembo materno, un nuovo studio suggerisce che farlo è anzi necessario. La ricerca rivela infatti che i bambini sviluppano una forte e precisa memoria attorno alle parole che sentono più spesso prima di nascere.

"Crediamo che questo dimostra quanto bene il cervello, a questa età, si adatti ai suoni. Si tratta di un segno di apprendimento molto precoce delle lingue e di adattamento ai suoni che si ascoltano", ha spiegato il co-autore dello studio Minna Huotilainen, docente presso l'Università di Helsinki del Centro finlandese di Eccellenza Interdisciplinare."Un neonato non è una tela vuota, ma ha già imparato chi è sua madre e come parlano gli altri membri della famiglia".

Può sembrare sorprendente che i bambini possano ricordare i suoni che hanno sentito nel grembo materno, soprattutto se si considera che il loro cervello sta ancora sviluppando le connessioni che consentono loro di elaborare i concetti. Eppure, ci sono le evidenze del fatto che i feti, in realtà, ricordano i suoni che ascoltano. "C'è già qualche evidenza che i feti possono imparare e che i bambini possono ricordare brani o passaggi del discorso dal periodo fetale", ha detto Huotilainen.

I ricercatori hanno testato la memoria dei feti finlandesi esponendoli a una sola parola, "tatata", che non significa nulla in lingua finlandese. "È una cosiddetta 'pseudo-parolà importante per la ricerca. Ha tre sillabe e abbiamo scelto una parola tale da rendere difficile ai piccoli cervelli di trovare le modifiche e dare loro qualcosa di difficile da imparare", ha precisato la ricercatrice. "Una tale parola potrebbe esistere in finlandese. Essa segue tutte le regole della lingua finlandese".

Dalla 29esima settimana di gravidanza fino alla nascita, circa la metà delle 33 donne incinte che hanno contribuito alla ricerca hanno ascoltato le registrazioni della parola ripetuta centinaia di volte. A volte le registrazioni proponevano la parola con una diversa sillaba centrale o, semplicemente, pronunciate in modo diverso. Dopo la nascita, i ricercatori hanno utilizzato le scansioni per verificare l'attività nel cervello di tutti i bambini quando hanno sentito la parola. Coloro che l'avevano sentita prima "hanno mostrato una reazione maggiore a questa parola specifica", ha affermato la Huotilainen. "Sono stati in grado di elaborare la parola in modo migliore e sono stati anche in grado di rilevare i cambiamenti nella parola".

Che cosa possono fare i genitori, quindi, con queste informazioni? "Siate consapevoli del fatto che il feto può sentire qualsiasi cosa proveniente dal mondo esterno e imparare da esso", ha chiarito Huotilainen. "Parlate durante la gravidanza. Si può parlare con altre persone o con il vostro feto, se volete".

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

Federica Vitale

Leggi anche:

- Gravidanza: anche il feto trasmette cellule alla mamma

- Gravidanza: le 6 regole più importanti da seguire in spiaggia