Bambini a tavola e formaggi che crescono sugli alberi

bambini alimentazione regno unito

I bambini del Regno Unito sembrano avere delle idee piuttosto confuse riguardo alla provenienza degli alimenti che vengono offerti loro durante il momento del pranzo o della cena. Secondo molti di loro, i formaggi crescerebbero sugli alberi, i pomodori nascerebbero sotto terra ed i bastoncini di pesce sarebbero preparati in realtà con del pollo, per non citare la pasta, un alimento derivato da ignoti animali.

Si tratta di quanto emerso attraverso un'indagine condotta da parte della British Nutrition Foundation, che mostra come i bambini di oggi non abbiano quasi mai un'idea rispondente alla realtà riguardo alla provenienza degli alimenti. Pochi di loro, probabilmente, hanno potuto assistere alla coltivazione della verdura in un orto o hanno mai visto da vicino un animale, al di fuori dei comuni animali domestici.

Il sondaggio, in modo da migliorare la situazione attuale, porterà alla nascita di momenti di incontro destinati ai bambini e dedicati all'alimentazione salutare, alla cucina ed alla provenienza degli alimenti. Secondo quanto dichiarato da parte di Roy Ballam, manager della British Nutrition Foundation, le scuole del Regno Unito necessitano di un piano nazionale relativo all'educazione alimentare, in supporto al bisogno di apprendimento dei bambini.

Il 77% dei bambini della scuola primaria e l'88% dei bambini della scuola secondaria sono apparsi consapevoli della necessità di consumare ogni giorno cinque o più porzioni di frutta e verdura, ma il 67% dei bambini della scuola primaria e l'81% degli alunni della scuola secondaria hanno indicato di consumare ogni giorno meno di quattro porzioni delle stesse. Non tutti gli alunni, inoltre, seguono l'abitudine, ritenuta sana da parte degli esperti, di dedicarsi ad una buona colazione al mattino.

Secondo le dichiarazioni rilasciate da parte da Ballam, il sondaggio ha condotto ad evidenziare come il 21% dei bambini della scuola primaria ed il 18% degli alunni della scuola secondaria non abbiano mai visitato una fattoria o una azienda agricola. Ciò potrebbe essere parte della spiegazione del fatto che il 34% dei bambini di età compresa tra i 5 e gli 8 anni ed il 17% degli scolari tra gli 8 e gli 11 anni siano convinti che la pasta rappresenti un alimento di origine animale. Se un simile sondaggio venisse condotto in Italia, otterremmo risultati migliori?

Marta Albè

Leggi anche:

- Gusti difficili a tavola? Ecco perché
- Dermatite atopica in aumento nei bambini a causa dell'inquinamento