Fertilità femminile e sistema immunitario: quale correlazione?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nuova scoperta opera della dottoressa Kathryn Clancy dell’Università dell’Illinois ha messo in relazione la fertilità femminile con il sistema immunitario.

La logica è molto semplice: per prima cosa il corpo di una donna deve salvaguardare se stesso e solo dopo essersi messo ben al sicuro può pensare alla riproduzione. Sarebbe questo il ragionamento alla base della distribuzione delle energie nel corpo femminile, almeno secondo i dati raccolti dallo studio della scienziata americana, pubblicati sull’American Journal of Human Biology.

La ricerca ha analizzato i campioni di saliva e urina di un gruppo di donne sane in premenopausa. Quello che si voleva vedere erano i livelli di ormoni ovarici durante il periodo mestruale e i livelli di proteina C-reattiva (CRP), marcatore utile a valutare i livelli di infiammazione del corpo. I dati hanno dimostrato che vi era una relazione negativa tra CRP e progesterone nelle donne ovvero le donne che avevano questo indicatore più alto mostravano anche un progesterone più basso, ricordiamo che questo ormone è essenziale per mantenere le condizioni adatte alla fecondazione. Dunque, secondo la ricerca, più alta è l’infiammazione nel corpo meno fertile è potenzialmente la donna.

La dottoressa Clancy ha spiegato i risultati ottenuti come riporta La Stampa mettendo in ballo due diverse possibilità, la prima è che: “vi sia un meccanismo interno, e che questa infiammazione locale fa aumentare i livelli di CRP, e questa è la correlazione con i bassi livelli di progesterone”. La seconda che “ci sia un fattore di stress esterno come lo stress psico-sociale o lo sforzo eccessivo nella manutenzione dell’immunità, che a sua volta arriva a sopprimere gli ormoni ovarici“.

Questo meccanismo, a detta del team dei ricercatori, potrebbe spiegare perché alcune donne sono più fertili di altre e perché esistano alcune che non lo sono affatto. Il corpo infatti ha a disposizione un tot di energie, che a causa di stress e fattori ambientali, possono drasticamente ridursi e dunque quel poco che rimane viene impiegato per la sopravvivenza dell’organismo e non per la sua riproduzione.

Leggi anche:

Fertilità in calo sia negli uomini che nelle donne. Perché?

Sauna e fertilità maschile: a rischio gli spermatozoi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin