Bambini: meno infezioni se in casa c'è un cane

immagine

Perché un cane è il miglior amico di un bambino? Non solo perché può essere un amico fedele e un ottimo compagno di vita, ma anche perché può migliorare la sua salute, portando la sporcizia e gli allergeni in casa.

Già, avete capito bene, i cani aiutano il sistema immunitario dei nostri figli a svilupparsi e rafforzarsi. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Pediatrics dai ricercatori della Kuopio University Hospital, in Finlandia.

Nella ricerca sono stati coinvolti 397 bambini nati nella parte orientale o centrale della Finlandia tra settembre 2002 e maggio 2005, seguiti fin dalla gravidanza. Sono stati analizzati la frequenza dei sintomi respiratori e delle infezioni, le informazioni sui contatti con animali domestici come cani o gatti durante il primo anno di vita, i diari settimanali e i questionari compilati dalle famiglie.

Sulla base di questi dati, i ricercatori hanno determinato che il 35% dei bambini aveva trascorso la maggior parte del loro primo anno di vita con un cane e il 24% con un gatto.

Risultato? Se precedenti ricerche avevano già rivelato come un animale domestico potesse diminuire il rischio di soffrire di allergie, ora si scopre che i bambini che vivono a contatto con i cani hanno il 44% in meno delle probabilità di contrarre sintomi o infezioni respiratorie, come le otiti, e il 29% in meno di necessità di ricorrere ad antibiotici. Insomma, sono più sani. Probabilmente perché gli animali, dopo essere stati fuori, portano in casa virus, batteri o allergeni che aiutano il sistema immunitario a rispondere correttamente agli attacchi.

"Questi risultati - scrivono i ricercatori - suggeriscono che i contatti con un cane possono avere un effetto protettivo sulle infezioni delle vie respiratorie durante il primo anno di vita. I nostri risultati supportano la teoria che durante il primo anno di vita i contatti tra animali sono importanti e potrebbero portare ad una migliore resistenza alle malattie infettive respiratorie durante l'infanzia".

Ancora dubbi sull'importanza di adottare un nuovo membro della famiglia peloso?