Fecondazione eterologa, domani la sentenza della Consulta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La fecondazione eterologa – ossia l’uso di ovociti o spermatozoi appartenenti ad estranei – nel nostro Paese non è ammessa. Almeno non ancora.

È per questo che molte, moltissime coppie italiane – 4mila nel 2011 gli aspiranti genitori secondo i dati dell’Osservatorio sul turismo procreativo – sbarcano all’estero, rivolgendosi, purtoppo spesso, a cliniche low cost (con conseguenti possibili complicazioni).

Ma qualcosa si muove. Domani la Consulta si pronuncerà sulla legittimità o meno di quella parte della legge 40/2004 sulla Procreazione medicalmente assistita, dove si stabilisce che non è possibile sottoporsi – in Italia – a trattamenti con uso di gameti, cioè ovociti o spermatozoi, donati da persone estranee alla coppia.

La decisione della Consulta segue tre diverse ordinanze di tribunali, Firenze, Catania e Milano, nel rispondere al ricorso di tre coppie.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.