Passeggiate all'aperto: come coprire il pupo in inverno

passeggiate aperto pupo inverno

Avete voglia di fare una bella passeggiata con il vostro neonato, ma per il freddo rigido di questi giorni cambiate idea? Sbagliate.

Un bimbo appena nato, seppur piccolo ed indifeso, non è cagionevole ma solamente più delicato di noi adulti. Ha perciò bisogno di maggiori attenzioni e precauzioni ma può fare qualsiasi cosa.

Quindi, evitate di barricarvi in casa, di farvi troppe domande e paranoie – avrà freddo? L’ho vestito troppo? E se si ammala? – e approfittate di questi giorni di festa e di pausa dal lavoro per godervi dei bei momenti in famiglia o con gli amici. E non fate che quella che fino a poche settimane fa era una piacevole camminata, ora diventi momento di ansia e preoccupazioni infondate.

Uscite di casa e portate il vostro bebè all’aria aperta: gli sarà utile per entrare in contatto con l’ambiente esterno e rafforzare le sue difese immunitarie. È meglio privilegiare le ore centrali della giornata, possibilmente anticipando il pranzo per permettere al piccolo di godersi la sua passeggiata. Ma se il sole vi fa compagnia, non esitate e tenerlo fuori per più ore e fargli fare il pieno di vitamina D.

Ma come vestirlo?

Semplice. Innanzitutto evitate di imbottirlo: prendete come punto di riferimento il vostro abbigliamento, magari con qualche precauzione in più, dato che il bimbo non è in movimento come voi ma sta fermo nella carrozzina o nel passeggino. È consigliabile optare per un abbigliamento a strati per poter far fronte ad eventuali sbalzi di temperatura: quindi, body, tutina e tuta imbottita per esterni. Quest’ultima può anche essere sostituita dal sacco nanna, ma questa è una decisione che spetta solamente a voi. Assolutamente indispensabile, poi, sciarpa, guanti e cappellino.

Nella scelta degli abiti conviene prediligere quelli con zip e velcri perché più semplici e veloci da indossare e sfilare. Per quanto riguarda i tessuti, invece, sono da preferire sempre le fibre naturali, come cotone e lana merino.

Controllate poi spesso che il bambino non sia sudato, specialmente sulla schiena e sulla fronte, e ricordate di proteggergli il viso e le labbra con una crema specifica perché sono le parti esposte all’aria.

E per quanto riguarda raffreddori e influenze, è bene osservare le consuete regole, come lavarsi spesso le mani ed evitare la frequentazione di persone malate o ancora convalescenti. Se siete raffreddate e dovete allattarlo, meglio indossare una mascherina, necessaria anche quando state a stretto contatto con il neonato.

Il bagnetto può restare un’abitudine quotidiana, ma è necessario prendere qualche precauzione in più come ad esempio tenere una temperatura più alta nella stanza da bagno. E poi bisogna fare molta attenzione ad asciugare accuratamente i capelli del piccolo, anche se si tratta di una peluria. Detto questo, non vi resta che prendere tutto il necessaire, mettere il vostro bebè nel passeggino e godervi una bella giornata al parco. Farà bene a lui ma anche a voi…

Fabrizio Giona