carnevale rio

Il menu di Carnevale: la terza tappa è a Rio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non potevano certo mancare il Brasile e le leccornie del suo celebre Carnevale…

Il Carnevale di Rio de Janeiro, infatti, è sicuramente quello più famoso al mondo. La città esplode per quattro giorni consecutivi: dal sabato al martedì grasso l’intera metropoli si trasforma in un’unica pista di ballo dove gli amanti di samba possono divertirsi fino allo sfinimento.

Vediamo, allora, cosa si mangia di buono da queste parti.

Crocchette di pollo (o “coxinhas”)

Ingredienti (per 6 persone)

  • 500 gr. di petto di pollo
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cipolla grande
  • 1 tazza di farina 00
  • 2 tazze di latte
  • 3 tuorli
  • 100 gr. di burro
  • sale e pepe
  • uova per impanare
  • pangrattato
  • olio di semi per friggere

Preparazione

Tagliate a pezzetti la carne di pollo e saltatela in padella per qualche minuto fino a raggiungere una lieve doratura. Mettete il sale, la cipolla tritata, l’acqua (fino a coprire il tutto) e fate cuocere a fuoco lento. Quando la carne sarà cotta, toglietela dalla padella e filtrate con il colino il brodo che, allungato con il latte, verserete in una casseruola. Fate bollire questo brodino e versate a pioggia la farina 00 e continuate a mescolare fino a raggiungere un composto denso. Togliete la pentola dal fuoco e aggiungete i 3 tuorli, il burro ed il pollo tritato. Aggiungete il sale, il pepe e rimettete la pentola sul fuoco, senza mai smettere di mescolare, fino a quando l’impasto sarà diventato molto denso.

Fate raffreddare e dopo mettete l’impasto in frigo per circa un’ora. Per preparare le crocchette, con le mani bagnate, prendete una bella cucchiaiata di questo impasto, divertitevi a dare la forma di una piccola coscia di pollo, e poi passatela prima nel pangrattato, poi nelle uova e di nuovo del pangrattato. Dopo bisogna friggerle in abbondante olio.

Gamberi ai gombo e noccioline americane (Carurù de camarão)

Ingredienti (per 6 persone)

  • 750 gr. di gamberetti sgusciati
  • 300 gr. di gombo (o zucchine) a tocchetti
  • 125 gr. di gamberetti secchi, tritati
  • 2 cucchiai di farina di manioca o frumento
  • 4 dl. di latte di cocco
  • 6 cucchiai di noccioline americane tritate
  • 2 cucchiai di coriandolo o prezzemolo tritato
  • 3 cucchiai di olio di semi
  • 1 cipolla tritata
  • 2 grossi pomodori maturi, sbucciati e a cubetti
  • 1 peperoncino verde tritato
  • 3 cucchiai di olio dendé
  • riso bollito

Preparazione

Tutto inizia con il pulire i gamberi. Poi saltateli in una padella con 2 cucchiai di olio per 2 o 3 minuti mescolando di continuo. Quando hanno raggiunto una colorazione rosata metteteli in una ciotola e versate un altro cucchiaio di olio nella padella. Aggiungete la cipolla finemente tritata e fatela cuocere per circa 5 minuti a fuoco basso, poi aggiungete il peperoncino verde, i pomodori, i gombos (o le zucchine) ed i gamberetti secchi. Da parte unite la manioca con il latte di cocco e, dopo aver mescolato, versateli nella padella e mescolate il tutto. Abbassate la fiamma e fate cuocere per circa mezz’ora. A questo punto unite i gamberetti e fate cuocere ancora per circa 5 minuti girando ogni tanto. Aggiungete l’olio di dendé, il coriandolo e le noccioline tritate. Assaggiate per sentite se è salato al punto giusto e servite ben caldo su un letto di riso accompagnando con il môlho de pimenta e limâo.

Stufato di varie carni di maiale e fagioli neri (Feijoada)

La ricetta originale richiede lingua affumicata e carne secca di maiale la cui importazione è vietata in Italia.

Ingredienti (per 6 persone)

  • 1 kg. di lonza
  • 1 kg. di costine di maiale
  • 250 gr. di salsiccia
  • 250 gr. di salsiccia affumicata
  • 1 piedino di maiale fresco
  • 1 Kg. di fagioli neri
  • 150 gr. di lardo magro in una fetta unica
  • 500 gr. di manzo
  • 250 gr. di pancetta affumicata tagliata a dadi
  • 2 cucchiai di olio di semi
  • 2 cipolle tritate
  • mezzo spicchio di aglio tritato
  • 3 pomodori
  • 2 peperoncini tagliati a pezzetti
  • 1 cucchiaino sale
  • pepe
  • 5 arance sbucciate e a rondelle

Preparazione

Fate dorare in un po’ di olio le costine di maiale e tenetele poi da parte. Bollite 3 litri d’acqua, preferibilmente in una pentola di coccio, e fatevi cuocere i fagioli per 2 minuti circa. Poi, lontano dal fuoco, fateli gonfiare nell’acqua per un’ora. Aggiungete poi nella pentola il lardo, il piedino di maiale e fate ribollire, poi abbassando il fuoco fate cuocere per un’ora. Aggiungete nella pentola il manzo, la lonza e la pancetta e fateli cuocere per un’altra ora. Per ultime unirete le salsicce ed il bacon e fate cuocere per ancora mezz’ora circa. Quando tutta la carne sarà tenera, togliete dal fuoco i fagioli, sgrassate con una schiumarola la loro superficie, posizionate i pezzi di carne in una pirofila che metterete in forno a 120° insieme alle costine.

Passiamo ora alla parte finale. In un tegame dal fondo spesso fate cuocere l’aglio e la cipolla con dell’olio. Aggiungete i pomodori, il peperoncino, il sale e il pepe e metà dei fagioli che avrete frullato. Lasciate cuocere questa salsa a fuoco basso, unite gli altri fagioli e fate cuocere per altri 20 minuti. Quando le carni nel forno saranno pronte, tagliatele a fette sottili e disponetele in un grande piatto di portata. Accompagnate la feijoada con arance tagliate a rondelle, la farina di manioca, le coste saltate, la salsa al peperoncino ed il riso brasileiro.

Delizia degli angeli (Papos de anjo)

Ingredienti (per 12 persone)

  • 9 tuorli e 1 bianco d’uovo
  • 4 tazze di zucchero
  • 4 tazze di acqua
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Preparazione

Accendete il forno a 170° e imburrate lo stampo apposito (è uno stampo rettangolare con 11 o 14 buchi tipo vaschette rotonde). In una ciotola montate i tuorli poi aggiungete l’albume montato a neve e continuate a mescolare fino ad ottenere una soffice mousse. Versate il composto nelle vaschette dello stampo riempiendole per 3/4. Mettete subito in forno per 20-25 minuti fino a quando risulteranno cotti e dorati.

Poi sformateli subito aiutandovi con una spatola e punzecchiate ognuno con uno stuzzicadenti 3 o 4 volte. Preparate uno sciroppo facendo sciogliere lo zucchero nell’acqua bollente e aggiungendo poi l’estratto di vaniglia. Posizionate i papos su un vassoio e versateci sopra lo sciroppo bollente facendo attenzione a ricoprili interamente.

Lazzaro Langellotti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Facebook