semi di finocchio

Semi di finocchio a tavola: proprietà e benefici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I semi di finocchio costituiscono un ottimo rimedio naturale per il benessere psico – fisico. Sono perfetti per contrastare difficoltà di digestione, gonfiore a livello intestinale e ritenzione idrica.

Sono utilizzati, ad esempio, come rimedi per il reflusso gastroesofageo poiché contengono l’anetolo, una sostanza in grado di calmare gli spasmi dello stomaco o del tratto gastro intestinale, inibendo il reflusso acido.

I benefici dei semi di finocchio

I semi di finocchio contengono numerose sostanze utili all’organismo. Innanzitutto, vitamine A, B e C, accompagnate da un’ottima dose di flavonoidi, fondamentali per la circolazione sanguigna.

Inoltre, sono ricchi di sali minerali quali fosforo, sodio, magnesio, potassio, ferro, calcio e soprattutto manganese, importantissimo per l’attivazione di enzimi, come anche per il metabolismo, nella protezione cellulare, nello sviluppo delle ossa, nonché nella regolazione del tasso glicemico.

Tra le loro proprietà rientra anche la capacità di depurazione del fegato, di abbassamento del colesterolo nel sangue. I semi di finocchio favoriscono anche la disintossicazione delle tossine dall’organismo. In sostanza, si tratta di caratteristiche di tipo diuretico che permettono anche il contrasto della ritenzione idrica.

I benefici a stomaco e intestino

I semi di finocchio, inoltre, permettono l’apporto di tante fibre. Pur essendo molto piccoli, ne conferiscono un apporto consistente, aiutando a combattere problemi di digestione, flatulenza e gonfiore addominale.

Contengono, inoltre, componenti atte a proteggere l’intestino, in particolar modo il tratto del colon. Sono considerati tra i rimedi per il reflusso gastroesofageo, sebbene in tali casi occorre consultare il parere di un medico.

Proprio a causa di queste loro speciali proprietà, i semi di finocchio vengono utilizzati fin dall’antichità. I loro oli essenziali stimolano la produzione dei succhi gastrici e facilitano la digestione contrastando l’iperacidità. Non è un caso, infatti, che spesso vengano indicati come rimedi per il reflusso gastroesofageo.

Effetti collaterali e controindicazioni

Tuttavia, occhio a non esagerare! Se assunti in misura eccessiva, possono provocare degli effetti collaterali indesiderati per via dell’estragolo, sostanza in essi contenuta.

Ecco perché è necessario non far assumere i semi di finocchio ai bambini, ed è sconsigliata l’assunzione in gravidanza e durante l’allattamento.

Una ricetta ideale fatta con i semi di finocchio

I semi di finocchio possono stare sul pane e altri prodotti da forno, sulle insalate e, in genere, sulle verdure, sulla carne e sul pesce.

Ecco qui proposta una semplice ricetta con i semi di finocchio: si tratta della tisana ai semi di finocchio, un vero e proprio toccasana per il nostro benessere.

Come procedere? Gli ingredienti per una tisana sono pochi: 200 ml di acqua, 1 cucchiaio di semi di finocchio, 1 cucchiaino di miele.

Occorrerà mettere dell’acqua in un pentolino, aggiungendo i semi di finocchio. Poi bisogna mettere sul fuoco e, all’ebollizione, coprire il pentolino – a fiamma ancora accesa – per 2-3 minuti.

Passato questo tempo, bisogna spegnere il fuoco e fare intiepidire per altri 3 minuti, per poi passare al filtraggio della tisana in una tazza, aggiungendo un cucchiaino di miele (facoltativo) e mescolare. La tisana ai semi di finocchio è ottima sia calda che fredda!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.
Seguici su Facebook