Frutta secca: ecco perché noci, mandorle e nocciole fanno bene alla salute

frutta secca

Mangiare frutta secca a guscio fa bene alla salute del cuore e non solo. Tre nuovi studi sulla frutta a guscio (mandorle, noci del Brasile, anacardi, nocciole, noci macadamia, noci pecan, pinoli, pistacchi e noci), presentati recentemente all'Experimental Biology Meeting, a Boston dal 20 al 24 aprile 2013, hanno rivelato un'associazione tra il loro consumo e un migliore profilo nutrizionale, una dieta di qualità maggiore, un peso corporeo inferiore, una minore prevalenza della sindrome metabolica e, infine, una diminuzione di vari fattori di rischio cardiovascolare.

Il primo studio ha esaminato l'effetto di una vasta gamma di frutta secca a guscio sulla sindrome metabolica. I ricercatori della Loma Linda University hanno studiato 803 adulti, utilizzando un convalidato questionario di frequenza alimentare, valutando le conseguenze del consumo di frutti secchi sia insieme che separatamente.

"I nostri risultati hanno dimostrato che una dose, pari a 28 g di frutta secca a settimana era significativamente associata con il 7% in meno di sindrome metabolica e relativi disordini. È interessante notare che, mentre il consumo complessivo di noci è stato associato con una minore prevalenza di sindrome metabolica, le noci in particolare sembrano fornire effetti benefici su questa sindrome, indipendentemente da età, stile di vita e altri fattori dietetici", ha spiegato la dottoressa Karen Jaceldo-Siegl.

La seconda ricerca ha esaminato 14.386 adulti dal 2005 al 2010 dello studio NHANES, National Health and Nutrition Examination Surveys. Dai dati raccolti, i ricercatori hanno dedotto che coloro che consumavano le noci avevano un maggior apporto di calorie e sostanze nutrienti come fibre, potassio, magnesio, ma, allo stesso tempo, anche un minore apporto di zuccheri, grassi saturi e sodio, rispetto a coloro che non consumavano la frutta secca. Chi consumava frutta secca presentava anche una pressione sanguigna sistolica più bassa, una maggiore presenza di colesterolo "buono", un minore peso corporeo e un ridotto girovita. In linea generale, questi fattori di rischio ridotti potrebbero portare a una migliore salute.

Infine, un terzo studio ha esaminato diversi marker per il rischio di malattie cardiovascolari. Nel 2011, i ricercatori dell'Università di Toronto e dell'Ospedale di St. Michael, in Canada, hanno pubblicato il più grande studio sulle noci e il diabete, dimostrando che circa due grammi di frutta secca al giorno, in sostituzione di cibi ricchi di carboidrati, sono in grado di migliorare il controllo della glicemia e dei lipidi nel sangue nei pazienti con diabete di tipo 2.

"Abbiamo scoperto che il consumo di noci è stato associato con un aumento degli acidi grassi monoinsaturi (grassi buoni) nel sangue, che è stato correlato con una diminuzione del colesterolo totale, del colesterolo LDL (quello cattivo), della pressione sanguigna, del rischio di malattia coronarica in 10 anni e dell'HbA1c (un marker di controllo dello zucchero nel sangue) della la glicemia a digiuno" ha spiegato Cyril Kendall, dell'Università di Toronto. Questi tre nuovi studi, indipendenti l'uno dall'altro, vanno a incrementare il corpo di prove che dimostrano come consumare frutta secca possa migliorare la nostra salute.

Roberta Ragni

Leggi anche:

- SE VUOI DIMAGRIRE, PREDILIGI LA FRUTTA SECCA

- ALLA SCOPERTA DELLE PROPRIETÀ DEL NOCCIOLO: L'ALLEATO DI BRONCHI E POLMONI