Commissione europea: via gli zuccheri dai succhi di frutta

immagine

Questa la proposta avanzata da Dacian Ciolos, commissario europeo per l’agricoltura, che deve ancora seguire l’iter necessario per diventare legge (con l’approvazione da parte del Consiglio e del Parlamento Europeo), ma ha già attirato l’attenzione dei media: l’obiettivo è quello di vietare l’utilizzo di zuccheri aggiunti ai succhi di frutta.

Sono esclusi i nettari, per i quali tale aggiunta è consentita, ma questa scelta dovrà essere riportata obbligatoriamente bene in vista sull’etichetta del prodotto.
Ciò rientra in un complesso intervento di promozione alla salute e alla qualità degli alimenti, affinché i cibi confezionati diventino più sani, conformi alle regole igieniche e con le necessarie caratteristiche per un’alimentazione equilibrata. Tutte le etichette dovranno specificare adeguatamente se la bevanda contiene, ad esempio, succo di frutta, succo concentrato o entrambi.
Questa proposta, che modifica sostanzialmente la normativa in vigore dal 2001, avrà sicuramente delle ripercussioni per le case produttrici e per la commercializzazione in genere dei prodotti del settore agroalimentare, ma tutto a beneficio dell’informazione chiara e corretta per il consumatore. Tra l’altro, l’utilizzo massiccio di tali prodotti, con eccessivo apporto di zucchero, comporta non solo un possibile aumento di peso, ma anche malattie come il diabete: è giusto, quindi, evidenziare questo rischio.
L’idea di Ciolos è anche quella di inserire i pomodori tra i prodotti destinati alla produzione di succhi (sia in bottiglia che in scatola): non resta che aspettare per sapere quali saranno i cambiamenti reali una volta approvata, eventualmente, la misura.

Chiara Casablanca