Molte infezioni in infanzia aumentano il rischio di Celiachia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se durante l’infanzia si sono contratte parecchie infezioni, aumenta il rischio di celiachia in età adulta.

È quanto emerge da uno studio svedese pubblicato su Bmc Pediatrics che ha preso in esame bimbi celiaci e bimbi sani. Mediamente, l’età in cui si sviluppa questo disturbo alimentare è 11 mesi e la diagnosi arriva 4 mesi più tardi.

Dai risultati è emerso che avere tre o più infezioni aumenta il rischio di celiachia del 50%, le gastroenteriti lo aumentano fino all’80%, mentre il rischio maggiore si è registrato per quei bambini che prima dei sei mesi hanno avuto varie infezioni, hanno mangiato grosse quantità di glutine oppure in quei casi in cui l’allattamento al seno è stato interrotto prima dell’introduzione del glutine nella dieta del bambino.

Ancora non sappiamo – conclude Anna Myleus, coordinatrice dello studio – se l’aumento del rischio è dovuto a una predisposizione genetica alle infezioni e alla celiachia, ma i nostri risultati evidenziano l’importanza dell’allattamento materno nel ridurre la probabilità di sviluppare celiachia, soprattutto nei bambini che hanno avuto infezioni frequenti“.

LEGGI ANCHE: GUIDA ALLO SVEZZAMENTO, TEMPI, ALIMENTI E CONSIGLI PREZIOSI

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.