L'obesità è per sempre: un marchio di cui è difficile liberarsi

immagine

Non importa quanto tu dimagrisca, se sei stata una donna grassa, amici e parenti ti ricorderanno per sempre come una persona in sovrappeso, anche quando diventerai magra.

Parola dei ricercatori della Manchester University, della University of Hawaii di Manoa e del Monash University di Melbourne, che in uno studio condotto su 273 volontari, hanno scoperto come le donne che avevano perso peso venissero considerate a priori meno attraenti di quelle che erano sempre state magre.

Gli esperti hanno mostrato immagini di 5 donne di 31 anni, accompagnate da una breve descrizione sulla loro vita. Una sola donna mostrata era obesa, le altre 4 magre. Ma, leggendo le note, i partecipanti potevano così scoprire che, tra queste ultime, una donna era stata magra per tutta la vita, mentre altre tre in precedenza erano state grasse. Nelle foto, però, dopo aver perso chili, erano ritratte con il loro peso forma.

Ai volontari è stato poi chiesto di valutare l'attrattiva di ogni donna e tutti i partecipanti hanno fatto commenti negativi sulle donne che erano state "in carne", mostrando chiaramente di avere un pregiudizio nei confronti degli "ex grassi". Insomma, "lo 'stigmà dell'obesità è così potente e duraturo che può sopravvivere alla stessa obesità", spiega sul Daily Mail la ricercatrice dello studio Janet Latner, della University of Hawaii di Manoa. Il dottor Kerry O'Brien, della Manchester University's School of Psychological Sciences rincara la dose: "molte persone che vengono percepite come "grasse" stanno lottando invano per perdere peso, se il loro obiettivo è quello di sfuggire a questa dolorosa stigma sociale".

Così scopriamo che si possono passare mesi e mesi a diminuire le calorie e a correre sul tapis roulant per arrivare a raggiungere il proprio perso forma, ma le persone vedranno sempre il grasso sul corpo, continuando a etichettare gli ex obesi come pigri e golosi, anche quando la ciccia non c'è più. Cosa imparare da questa lezione? Non solo che la nostra società ha bisogno di ripensare al concetto di obesità e di diminuire i propri pregiudizi a riguardo, ma anche che, quando si sceglie di dimagrire, bisogna farlo per il proprio benessere psico-fisico, e non per quello che pensano gli altri del nostro aspetto.

Roberta Ragni