Perché si diventa obesi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il motivo sta in un guasto della proteina GPR120 nel nostro organismo. La proteina GPR120 è un recettore che si lega alle molecole di acidi grassi, soprattutto quelli insaturi, come gli omega-3. Se questa proteina si attiva nell’intestino, si producono ormoni anti-fame e il pancreas produce a sua volta insulina. Quando svolge il ruolo di “sentinella”, la proteina GPR120 è in grado di rilevare un livello eccessivo di grassi nel sangue e far aumentare così il numero delle cellule adipose per poter immagazzinare i grassi in eccesso, evitando così questi si accumulino nel fegato o nelle arterie.

È così che, secondo lo studio pubblicato su Nature coordinato dall’Imperial College di Londra ed al quale hanno partecipato l’Università di Verona e la Sapienza di Roma, se questa proteina “sensore” non funziona i grassi assunti col cibo non vengono più controllati.

Dopo alcuni esperimenti sui topi, i ricercatori hanno confrontato il Dna di quasi 7mila obesi con quello di altrettanti soggetti dal peso regolare e hanno individuato una mutazione genetica che altera proprio la struttura della proteina GPR120, facendo aumentare del 60% il rischio di obesità.

Una scoperta importante, ma “chi tende ad andare sovrappeso, però, non deve trincerarsi dietro la giustificazioni del Dna. Essere portatori di questa mutazione – spiega Raffaella Buzzetti, docente di endocrinologia alla Sapienza di Roma – non significa diventare per forza obesi: molto dipende anche dall’alimentazione che scegliamo di adottare“.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.