canzoni fanno bene umore

Pink Floyd e Armstrong: le canzoni che fanno bene all’umore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“What a Wonderful World” Louis Armstrong, “I will survive” di Gloria Gaynor o “Comfortably Numb dei Pink Floyd, l’importante è fare a meno di “Cigarettes and Alcohol” degli Oasis ed “Everybody Hurts” dei Rem, perché anche il titolo, ovvio, dice la sua.

La mattina, davanti a un buon caffè, ci vuole musica precisa per stare bene e in forma.

Chi lo dice? I ricercatori della Caledonian University di Glasgow, che, grazie a un progetto di musicoterapia durato tre anni e finanziato dall’Engineering and Physical Sciences Research Council, hanno selezionato i brani musicali adatti a pazienti affetti da disturbi dell’umore e depressione. Gli studiosi hanno creato un grafico per misurare il tipo di emozione della persona e l’intensità e il ritmo della musica, arrivando a comprendere quale canzone sia più portata a mettere allegria e quale a buttare giù il morale.

L’impatto di un brano musicale su una persona – afferma il coordinatore del progetto Don Knox – va oltre quello che si pensa, tanto che un tempo veloce può risollevare l’umore mentre uno lento buttarlo giù“.

Intanto, ecco una prima lista di canzoni che fanno bene alla salute e una lista di canzoni da ascoltare:

Sexual Healing, Marvin Gaye
Comfortably Numb, Pink Floyd
Last Night a DJ Saved My Life, Indeep
Cold Turkey, John Lennon
Healing Hands, Elton John
Wonderful Life, Black
More Than A Feeling, Boston
Alright, Supergrass
What a Wonderful World, Louis Armstrong
I Will Survive, Gloria Gaynor

E quelle che è meglio evitare

Cigarettes and Alcohol, Oasis
The Drugs Don't Work, The Verve
Cardiac Arrest, Madness
Heaven Knows I'm Miserable Now, The Smiths
Why Does It Always Rain On Me?, Travis
Insane in the Brain, Cypress Hill
Manic Monday, The Bangles
Leave Me Alone, New Order
Everybody Hurts, REM
Another One Bites the Dust, Queen

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.