luci spente insonnia depressione

Luci spente contro insonnia e depressione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se tenere le luci spente mentre si dorme serve a tenersi in linea, dormire al buio completo è utile anche a risolvere problemi di insonnia e depressione.

Secondo i ricercatori dell’Università statale dell’Ohio (USA), chi soffre di disturbi del sonno dovrebbe semplicemente eliminare tutte le fonti luminose dalla camera da letto.

Gli studiosi hanno condotto per 8 settimane un test sui criceti siberiani e hanno innanzitutto verificato che i disturbi del sonno possono anche portare a stati depressivi. Suddividendo gli animaletti in due gruppi, hanno fatto dormire un gruppo al buio assoluto e un altro ad una luce della stessa intensità di uno schermo televisivo.

Questi ultimi hanno manifestato, al termine delle 8 settimane, disturbi dell’umore, perché la luce aveva alterato il loro normale ciclo sonno-veglia. Spiega Tracy Bedrosian, che ha coordinato lo studio presentato al Congresso Society for Neuroscience: “La significatività dei risultati ottenuti è avvalorata da un altro importante dato. Abbiamo infatti riscontrato che bastano 8 settimane perché l’esposizione a luci notturne possa indurre modificazioni a livello di una specifica area del cervello, l’ippocampo, nota per essere coinvolta nello sviluppo proprio dei disturbi dell’umore“.

Quello che emerge è che il ciclo sonno-veglia viene influenzato dall’uso della luce, che fuorvia le funzioni del cervello.

Spegnete la luce, dunque! Sogni d’oro e cercate qui la posizione migliore per dormire!

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Facebook