Mangiare davanti al PC? Si rischia di ingrassare facilmente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutto il giorno di corsa, a pranzo un panino al volo e adesso non ci vedo più dalla fame“. Non si tratta solo dello slogan di una pubblicità, ma è una fotografia realistica della maniera moderna di gestire il lavoro e di conseguenza anche i momenti di pausa per il pranzo.

C’è di più: sempre più frequentemente questo “panino al volo” viene consumato alla scrivania dell’ufficio e con gli occhi incollati al computer. È l’ora di pranzo: si prende in maniera automatica un piccolo pasto dalla borsa (chi proprio ha tempo da perdere si concede il lusso di andare al bar a comprarlo, anche se questo comporta la perdita di qualche preziosissimo minuto) e lo si consuma con lo sguardo fisso sullo schermo, per rileggere la relazione da lasciare sulla scrivania del capo, per mandare velocemente una mail.

In quanti uffici si assiste ormai a scene di questo tipo? Il problema è che, oltre a privare di un sano momento di relax, questo atteggiamento rischia di danneggiare la linea. La conseguenza del famoso “panino al volo” è infatti proprio il “non vederci più dalla fame”. A rivelarlo è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Bristol e pubblicato sulla rivista American Society for Nutrition.

Gli studiosi hanno dimostrato che l’abitudine a consumare i pasti davanti al computer porta a sentirsi meno sazi e quindi più inclini a cedere alla tentazione di uno snack fuori pasto. La ricerca è stata svolta su 2 gruppi di persone alle quali è stato somministrato lo stesso pasto, composto da nove piatti. I membri del primo gruppo mentre mangiavano erano intenti a giocare al pc, quelli del secondo, invece, si trovavano comodamente seduti a tavola, intenti solo ad assaporare i cibi.

Al termine dell’esperimento i componenti del primo gruppo manifestavano un minore senso di sazietà rispetto a quelli del secondo, tanto che mezz’ora dopo avevano consumato il doppio dei biscotti rispetto a coloro che avevano gustato tranquillamente il pranzo, senza dedicarsi ad altre attività. Non solo: l’attenzione concentrata sul pc, impediva ai primi di ricordare esattamente cosa avessero mangiato ed in che ordine.

Il dato più interessante di questo studio è la messa in evidenza della stretta correlazione tra memoria e senso di sazietà: come chiarisce uno dei ricercatori, Jeff Brunstrom “C’è un rapporto diretto tra ricordo e quantità di cibo consumata“. Il mangiare, dunque, è un’attività come le altre e se non siamo attenti durante il suo svolgimento, tendiamo a dimenticare di averla compiuta e a ripeterla di nuovo. Le conseguenze di questo comportamento sono facilmente intuibili: si mangia di più, in maniera meno regolare e quindi si tende ad ingrassare con maggiore facilità. Senza considerare che ci si priva del piacere di assaporare i cibi ed appagare l’appetito in modo gratificante.

Gli apparecchi elettronici quando sono completamente scarichi devono essere collegati alla presa elettrica e lasciati in carica, non possono essere utilizzati subito; proviamo a pensare che forse anche noi possiamo concederci il lusso di staccare la spina mentre mangiamo. Ne guadagneremo in relax, buon umore ed in forma fisica!

Francesca Di Giorgio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin