10 buoni motivi per smettere di fumare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La maggior parte dei fumatori prova almeno due volte a smettere di fumare prima di riuscirvi definitivamente.

Per spuntarla servono motivazione, forza di volontà e determinazione ed è senz’altro utile riflettere sulle ragioni per cui è meglio voltare le spalle al tabacco.

Ecco 10 motivi che possono aiutarvi nel vostro percorso verso l’indipendenza dal tabagismo.

Per sfuggire a un killer terribile

I morti per il fumo di sigaretta in Italia sono quasi 80 mila, oltre 5,4 milioni sono le vittime nel mondo. A essere maggiormente colpite le persone tra i 35 e 65 anni. Con 20 sigarette al giorno si vive in media cinque anni in meno, se si inizia a fumare a 25 anni. Una dipendenza che è impossibile non definire letale: 9 casi di tumore ai polmoni su 10 sono provocati dal fumo. Come se non bastasse un fumatore corre molti più rischi di ammalarsi di tante altre forme di tumore: bocca, esofago, laringe, pancreas, reni e stomaco. I danni, inoltre, si estendono al cuore: ictus, infarto e non solo. Il 30% delle morti per malattie coronariche dipende dal vizio per le bionde.

Per essere più sicure di sé

Sorprese? Avevate incominciato a fumare pensando che fosse sexy e vi rendesse più grintose? Neanche per sogno: il fumo non fa bene al senso di sicurezza e alla fiducia in sé. Ricercatori inglesi della Peninsula Medical School hanno messo sotto esame circa 10 mila persone sopra i 50 anni, i fumatori se la passavano decisamente peggio rispetto al gruppo di non fumatori.

Per un riposo migliore

Secondo i ricercatori dell’Università Johns Hopkins, nel Maryland, i fumatori soffrono dei disturbi del sonno quattro volte di più rispetto ai non fumatori. I problemi del sonno sono dovuti all’abbassamento della concentrazione di nicotina nel sangue durante la notte. Al risveglio i problemi non finiscono. L’organismo dei fumatori “brucia” infatti la caffeina molto più velocemente costringendo ad un abuso. Quando si smette di fumare, si possono tranquillamente ridurre le tazzine di caffè. A guadagnarne: il sonno, l’umore e le arterie.

Per risparmiare

Smettere di fumare vi apporterà anche dei vantaggi economici, pensate solo a quanto spendete mensilmente per le sigarette. Siete sicure che non ci sia un modo migliore per spendere i vostri soldi?.

Per non anticipare la menopausa

Il fumo può anticipare la menopausa di diversi anni. Per le fumatrici si prospetta inoltre il rischio di fragilità ossea. Ogni 10 anni di fumo si distrugge tra il 2,3% al 3,3% di minerale osseo e dopo la menopausa le cose peggiorano.

Per sembrare più giovani

Il fumo accelera i processi di invecchiamento di tessuti e vasi sanguigni. Inoltre, i capelli dei fumatori diventano grigi più precocemente.

Per godere nuovamente dei sapori

Il fumo altera la percezione dei sapori agendo sulle papille gustative. Se volete riscoprire il piacere del cibo abbandonate le bionde.

La pillola diventa più sicura

La pillola non è consiglia per le fumatrici in quanto i contraccettivi orali possono comportare un rischio di coaguli, attacchi di cuore e ictus. Questi rischi, ovviamente, aumentano se si fuma.

Per salvaguardare la salute degli animali domestici

Il fumo passivo può provare il linfoma e il cancro alla bocca nei gatti, mentre nei volatili e nei cani provoca il cancro ai polmoni.

Per avvertire meno la fatica

Numerosi studi hanno confermato che smettere di fumare migliora le prestazioni, dallo sport al lavoro. Una ricerca olandese ha dimostrato che i fumatori si ammalano di più: in un anno si assentano dall’ufficio mediamente 11 giorni in più dei colleghi non fumatori.

Insomma, per smettere di fumare basta chiedersi quanto si tiene alla propria vita e se vale la pena mandarla in “fumo” per una boccata di nicotina

Manuela Marino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin