Smettere di fumare fa ingrassare

pixabay/@geralt

Smettere di fumare fa ingrassare?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Spesso molte persone si trattengono dallo smettere di fumare, anche se lo vogliono, perché sono preoccupati che questo comporti un aumento di peso. Questa preoccupazione spesso è eccessiva poiché ogni individuo reagisce in modo diverso alla cessazione del fumo, infatti non tutti i fumatori che interrompono quest’attività ingrassano, nonostante l’aumento di peso sia comune.

I ricercatori hanno stilato uno studio per la rivista “Drug and Alcohol Dependence” affermando che molte persone aumentano di peso quando cercano di smettere di fumare perché la parte del cervello che brama la nicotina ha bisogno di carburanti sostitutivi, buttandosi su cibi ricchi di zuccheri e carboidrati complessi. Questo comportamento viene definito “compensativo”, in quanto si tende a compensare l’assenza di nicotina con cibi densamente calorici.

L’effetto della nicotina

La nicotina ha un effetto anoressizzante, cioè diminuisce lo stimolo dell’appetito e induce un aumento del metabolismo. Pertanto, nel momento in cui si smette di fumare il metabolismo riprende la sua normale velocità e può verificarsi un lieve o moderato aumento di peso.

Lo studio e le sue implicazioni

Questo studio includeva in un gruppo di fumatori e non fumatori dai 18 ai 70 anni. Ad alcuni di loro è stato somministrato il naltrexone, un farmaco utilizzato per trattare il disturbo da uso di oppioidi, mentre ad altri è stato somministrato un placebo. Ai partecipanti è stato chiesto di smettere di fumare per 24 ore, in seguito è stata data loro la possibilità di una vasta scelta di snack (alcuni di questi più calorici di altri).

I risultati dei ricercatori hanno dimostrato che il naltrexone ha aiutato a normalizzare l’apporto calorico nel gruppo dei fumatori a un livello coerente con il gruppo dei non fumatori. La maggior parte dei fumatori a cui non è stato somministrato naltrexone ha effettuato una scelta più elevata di zuccheri, carboidrati e grassi, a differenza dei non fumatori, dimostrando che l’effettiva mancanza di nicotina può innescare nel cervello dei meccanismi per cui si tende a preferire degli alimenti ricchi di elementi non sani per il proprio organismo (e per il proprio peso).

Come tenere sotto controllo il proprio peso quando si smette di fumare?

La cessazione del fumo può favorire un aumento di peso, ma non è detto che ciò si verifichi in tutti gli individui e comunque, nella maggioranza dei casi, l’aumento di peso è minimo.

Ad ogni modo, il peso corporeo può essere tenuto sotto controllo senza problemi adottando uno stile di vita sano accompagnato da una regolare attività fisica, dedicandosi ad attività alternative, che tengano occupata la mente e distolgano il pensiero dal fumo.

Dopo un primo periodo di astinenza dalla nicotina in cui si potrebbe provare più difficoltà nel resistere dal mangiare cibi zuccherati o densi di grassi, il corpo ritorna ai suoi ritmi.

Fonte: healthline.com

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in comunicazione e laureanda in giornalismo, sogna di potersi avvicinare sempre di più a questo mondo e scoprirne ogni suo aspetto
Seguici su Facebook