Ufficio: 5 esercizi da fare alla scrivania

esercizi scrivania

Alzi la mano chiunque di voi non si sia mai lamentato, tornando a casa la sera, di doloretti alla cervicale, irrigidimento delle spalle o formicolii alle caviglie.

Beh, escludendo 3 o 4 pochi fortunati sempre presenti in ogni sondaggio, potremmo dire che la grande famiglia degli impiegati lotta ogni giorno contro le insidie della sedentarietà: chi è costretto a stare seduto per molte ore di seguito davanti al pc o con la testa continuamente china su montagne di carte, costringe il proprio corpo ad assumere posizioni innaturali per lungo tempo.

A farne le spese è la muscolatura della colonna vertebrale. Tuttavia, posture sbagliate e accumulo di tensioni possono essere contrastate tenendo i muscoli in allenamento anche in ufficio, con dei semplici esercizi che possiamo svolgere direttamente alla scrivania (e senza dare troppo nell'occhio!).

Per cui, dopo aver visto come affrontare la meglio la giornata lavorativa per aggirare al meglio problemi di salute, ecco pochi consigli per rilassarvi:

Per la zona cervicale

ruotare la testa in senso orario e poi anti-orario una decina di volte. In seguito alzare ed abbassare il capo e ancora ruotarlo a destra e poi a sinistra per 15 volte. Il tutto con estrema lentezza.

Per le spalle

seduti sulla sedia, gambe e piedi uniti, schiena dritta e spalle rilassate, incrociare le braccia al petto, con il palmo della mano a contatto con le spalle. Inspirare dal naso ed espirare dalla bocca, spingendo dolcemente le spalle verso il basso ed allungando il collo.

Per la schiena

da seduti, alzare le mani verso il soffitto quanto più possibile, mantenere la posizione una trentina di secondi e ripetere 4-5 volte.

Per gli addominali

sempre da seduti, contrarre lentamente la muscolatura addominale e mantenere la posizione per circa 10 secondi. Ripetere più volte.

Per la circolazione delle gambe

appena possibile alzarsi sulle punte dei piedi e distendere la muscolatura dei polpacci più volte di seguito.

In più, ricordate di non accavallare le gambe per troppo tempo e di non stare seduti sul bordo della sedia!

Chiara Casablanca