Sauna, quale scegliere? Ecco tutti i benefici di 7 diversi tipi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Parliamo di uno dei trattamenti più attuali, ma al tempo stesso più antichi e conosciuti del mondo: un vero e proprio “bagno di calore” che permette di eliminare, attraverso il sudore, tossine e impurità della pelle.

Pensate, già gli Aztechi pare utilizzassero una specie di capanna “sudatoria” affinché le donne potessero partorire in un ambiente confortevole, beneficiando delle proprietà lenitive del calore ed alleggerendo, così, i dolori delle doglie.

La sauna è nata in Finlandia, già nel 1100, e si è diffusa in Europa e negli Stati Uniti nell’immediato dopoguerra. Oltre ad essere considerata, un momento di benessere e piacere, particolarmente apprezzato è l’effetto rilassante, che favorisce un sonno salutare.

Opinione diffusa è quella che considera la sauna un metodo di dimagrimento: in realtà, essa aiuta a perdere liquidi e non peso, proprio per questo deve essere utilizzata con moderazione e sempre a seguito di un controllo medico o, almeno, assistiti da personale specializzato. Non è raro avere, infatti, la possibilità di usufruire di tale trattamento all’interno di palestre o centri estetici: in questi casi, è sempre bene accertarsi che la struttura garantisca la presenza di “mani esperte”.

Non a caso, la sauna può essere un momento di terapia per conseguire risultati clinici, come accade ad esempio nei centri termali. A seguito di una visita specifica,il medico potrà indicare tempi, modalità di utilizzo ed elenco delle eventuali controindicazioni della sauna stessa; è giusto sottolineare che una brusca perdita di grandi quantità di liquidi e di sali minerali (causata dall’abbondante sudorazione) può non essere tollerata da tutti e rischia di provocare uno shock ipovolemico (una diminuzione del volume del sangue circolante).

In generale, sarebbe controindicata nei seguenti casi: disturbi cardiaci o della circolazione, presenza di varici, durante il ciclo mestruale e gli stati febbrili, in gravidanza, in caso di pressione troppo alta o troppo bassa.

Quanto ai benefici, la sauna ne regala a bizzeffe: diminuzione significativa di ansia e stress quotidiani, effetto decontratturante sulla muscolatura, recupero rapido dei traumi muscolari (ad esempio degli atleti). Fra l’altro , la sauna è una vera e propria “pulizia di tutto il corpo”, disintossica in profondità, rende la pelle più luminosa e agisce anche sulla respirazione, rendendoci più resistenti a sinusiti, raffreddori, influenze.

Oggi è possibile scegliere tra svariati trattamenti quello più adatto alle proprie esigenze e, se possibile, preferenze:

Sauna con aria bollente

Si tratta della cosiddetta Sauna Finlandese, trattamento che necessita di una cabina con getto d’aria calda e secca a 100 gradi. Tutto si svolge in diversi passaggi. Prima si fa una doccia con acqua calda, poi si entra in cabina per circa 10 minuti, dopo si esce per un’altra doccia (stavolta tiepida). Rientrando in cabina si ripete tale procedimento altre 2-3 volte ed, infine, ci si immerge un minuto in una vasca d’acqua fredda.

Benefici: rilassa e concilia il sonno, in quanto rilascia endorfine, ormoni del benessere.

Sauna con il sale

Riguarda le cosiddette “grotte saline”, caratterizzate da pareti ricoperte di sale proveniente dal Mar Morto, dal Mar Nero o da miniere. La temperatura è di circa 50° ed il tempo di permanenza di circa mezz’ora. Benefici: si respira aria pura, ricca di ioni negativi, che neutralizzano gli agenti inquinanti, a tutto beneficio dei bronchi. Come 3 settimane di vacanze al mare!

Sauna con il vapore

Meglio conosciuta come Hammam, è un bagno di aria umida in ambiente composto da tre sale: una tiepida, una calda (in cui la temperatura raggiunge i 50°) ed una fresca. Il percorso dura in media 2 ore e termina con una doccia fresca ed un gommage con guanto di crine.

Benefici: favorisce il drenaggio dei liquidi e lo smaltimento delle tossine. Rende la pelle liscia e luminosa, ma è controindicata in caso di herpes, psoriasi o varici.

Sauna con le erbe

Un trattamento che prevede temperature più basse rispetto alla sauna finlandese, massimo 50°, e che sfrutta i benefici dell’aromaterapia. Dalla tinozza posta su una stufa a raggi infrarossi si preleva acqua da versare su un fascio di erbe officinali , ad esempio lavanda e menta, che sprigionano un vapore profumato.

Benefici: per l’andamento graduale è consigliata a chi non sopporta le temperature elevate della sauna finlandese.

Sauna con il fieno

Prevede di sdraiarsi su uno strato (precedentemente immerso in acqua calda) di erbe e fiori alpini. Una volta terminata questa “sauna verde” ci si copre con una coperta di lana per completare la sudorazione. Benefici: la temperatura può raggiungere i 60° e ciò facilita l’apertura dei pori, permettendo ai principi attivi delle erbe di penetrare in profondità. Questo tipo di sauna rinforza il sistema immunitario ed è efficace contro i dolori muscolari e reumatici.

Sauna con i colori

Questo trattamento unisce i benefici del calore a quelli della cromoterapia. Nella cabina sono presenti lampade che inviano luce colorata da scegliere in base al proprio stato d’animo.

Una variante nuova è la cosiddetta Doccia Emozionale

Acqua calda e fredda, a scroscio o nebulizzata, con luci colorate, profumi, suoni, che mixati creano una grande sensazione di relax.

Benefici: i colori possono influire sulle nostre sensazioni. È noto che la luce rossa dona vitalità, quella blu la tranquillità, il giallo la concentrazione.

Chiara Casablanca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin