Aumentano i centri benessere. Aiceb:”Occorrono regole”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Associazione Italiana Centri Benessere (AICEB) – Confesercenti ha presentato una proposta di legge che possa regolamentarne il settore, sempre più in crescita e in continua trasformazione, per seguire le nuove tendenze e le sempre più particolari esigenze della clientela.

D’altra parte, esistono già una legge nazionale per le estetiste e delle leggi regionali che riguardano la regolamentazione delle attività delle palestre: è tempo di pensare anche ai centri benessere, che diventano sempre più numerosi, specialmente all’interno delle strutture alberghiere.

In primo luogo, è importante ristabilire i ruoli e le funzioni in base alle mansioni svolte, oltre a ristabilire il confine tra cure mediche e trattamenti estetici, così da evitare episodi di imperizia o scarsa igiene di determinate strutture, dovuti principalmente a superficialità e generalizzazioni varie, proprio per la mancanza di una legislazione specifica che tuteli questo ambiente e la sua utenza di riferimento.

Il settore benessere è ormai una delle componenti forti della nostra offerta turistica, conta circa 2.816 imprese e 394 strutture ricettive solo nelle zone termali. Una regolamentazione non può quindi che favorire la qualità e servizi al top.

WellMe.it ha già sottolineato come sia, ormai, preferita la vacanza – relax nei Centri Benessere, scelta peraltro confermata dallo stesso Osservatorio Nazionale del Turismo, secondo cui gli italiani nel 2009 hanno prenotato oltre un milione di vacanze in centri benessere e/o termali specialmente in Veneto, Toscana, Emilia-Romagna. La proposta di legge è stata presentata il 14 maggio scorso al RiminiWellness dal suo primo firmatario, l’On. Alberto Fluvi ed altri 48 firmatari tra parlamentari di diversi schieramenti politici.

Chiara Casablanca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin