dolori mestruali naturopatia

Stop ai dolori mestruali con la naturopatia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama dismenorrea ed è un disturbo femminile a causa del quale il ciclo mestruale è abbondante e accompagnato da forti dolori alla pancia e mal di testa spesso invalidanti.

Qualche giorno prima o durante il ciclo mestruale, le donne sono più labili e nervosette e, nel caso in cui la donna sia soggetta proprio a dismenorrea, i disturbi emozionali e umorali possono essere più evidenti e altalenanti. Insomma, la donna che soffre di dismenorrea è (giustamente) più irritabile, depressa e ansiosa.

In questi casi, la naturopatia consiglia di ridurre il consumo di sale, brodi contenenti glutammato, salsa di soia e cibi precotti, pronti o in scatola almeno i 3 giorni che precedono il ciclo. La dieta, inoltre, va integrata con calcio e magnesio, 2 minerali che si trovano naturalmente in cibi come latticini, vegetali verdi, cereali integrali, frutta secca e banane. Sono poi molto importanti le vitamine del gruppo B, di cui è ricco il lievito di birra, il fegato e i cereali integrali, la vitamina E, la C e la D, il ferro e, infine, i probiotici.

La visione olistica del problema descrive la donna come una persona che non accetta la sua femminilità e la debolezza che, solitamente, le viene associata. Spesso la dismenorrea colpisce le donne che hanno avuto un padre-padrone, una madre sottomessa, oppure che hanno vissuto una violenza sessuale.

Il sentimento determinante di questo tipo di donne è generalmente il senso di colpa o rancore.

Oltre a un’alimentazione equilibrata, possono essere di grande aiuto anche alcuni estratti di piante come il gelsomino, lo zafferano e la camomilla, oppure i gemmoderivati di Rosmarinus officinalis, Salix alba, Tilia tormentosa, Ficus carica.

Nel periodo mestruale le donne soffrono ancora di più di ritenzione idrica e gonfiori: in questi casi può essere di grande aiuto e sollievo un pediluvio di acqua calda in cui è stato aggiunto del Tarassaco, un infuso di semi di senape e Pulsatilla (una pianta indicata nei casi di depressione, cistite, disturbi gastrici, otite e nei disturbi del sonno).

Per terminare, un ottimo rimedio contro il flusso abbondante e doloroso è assumere un tisana a base di luppolo e ortica 2/3 volte al giorno.

È importante ricordare che la fitoterapia non è un metodo fai da te, indi per cui chiedete sempre consiglio o conferma al vostro erborista e /o farmacista!

Isabella Giussani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin