antroterapia grotte caverne

Antroterapia: cura di benessere drenante e decongestionante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Antroterapia. Ormai la ricerca del benessere non ha limiti né confini: se una volta il massimo della vita era sottoporsi ai fanghi termali una volta l’anno, oggi ci si può far rosicchiare le dita dai pesci, o farsi tritare nervi e muscoli dai più strani massaggi orientali. L’ultima frontiera in fatto di wellness è oggi l’antroterapia, o speleoterapia: ovvero una che sfrutta le proprietà drenanti e decongestionanti delle caverne o delle grotte.

E così, ecco che un’escursione con pantaloncini e torce alla mano può essere un toccasana per i problemi alle vie respiratorie (asma, allergie, rinite), ma anche per migliorare la circolazione sanguigna, o ancora per rinvigorire la pelle, specialmente in caso di psoriasi e dermatiti. Ma non basta passeggiare nelle grotte: si tratta, proprio, di rilassarsi per circa 45 minuti alla giusta temperatura e umidità, alla presenza di gas e ioni termali che facciano al caso nostro.

A voi la scelta: ci sono grotte caldo-umide, quelle che perlopiù conosciamo, che arrivano a una percentuale di umidità del 98-100%; e grotte caldo-secche, in cui il vapore si sprigiona da cavità nelle pareti, in cui si può giungere anche a una temperatura di 50-70 gradi, che favoriscono l’azione delle sostanze sospese, come zolfo, iodio, ioni, gas e sali minerali.

È chiaro che non bisogna avventurarsi da soli, ma affidarsi a un centro specializzato, quasi sempre una spa, che ci suggerisca la terapia giusta per noi.

Marina Piconese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.