Parkinson: il Tai Chi aiuta a mantenere l'equilibrio

immagine

Il Tai Chi potrebbe essere una valido aiuto nel trattamento del morbo di Parkinson. I suoi movimenti lenti e controllati, infatti, possono contrastare i disturbi dell'equilibrio tipici delle persone affette dalla malattia, e i miglioramenti durano almeno tre mesi.

Lo rivela uno studio condotto da Li Fuzhong, docente del Research Institute Oregon di Eugene negli Stati Uniti.
L'autrice ha analizzato 195 anziani divisi in due gruppi: uno è stato sottoposto ad esercizi di Tai Chi progettati per migliorare l'equilibrio centrale del corpo durante gli spostamenti e allenare la forza e la resistenza; l'altro è stato sottoposto ad esercizi di stretching.

Dopo 24 settimane di corso, il primo gruppo ha migliorato le sue prestazioni, mentre il secondo ha evidenziato un calo della propria condizione motoria. Tre mesi dopo il test, nel gruppo allenato col Tai Chi persistevano alcuni tra i benefici ottenuti, come una maggiore percezione dell'equilibrio e una minore incidenza di cadute.

L'antica arte marziale cinese – oggi sempre più conosciuta come ginnastica e tecnica di medicina preventiva – si è rivelata dunque un valido aiuto nel migliorare la difficoltà a muovere i piedi e a stare in piedi.
"È bene chiarire che non stiamo andando a sbarazzarci dei sintomi – spiega la Fuzhong –. Il Tai Chi non è una droga né una cura, ma può aiutare ad alleviare le difficoltà, a rallentare la progressione della malattia e a diminuire l'incidenza delle cadute negli anziani. Il nostro studio lo dimostra".

Fabrizio Giona

Pin It