Piedi: dall'automassaggio ai pesciolini mangia-cuticole

piedi450

Camminano, corrono, saltano, ballano, i nostri piedi sostengono quotidianamente tutto il peso di un corpo in continuo movimento.

Spesso costretti in scarpe dalle fogge sempre più azzardate, i piedi costituiscono la base indispensabile per appoggiare in modo equilibrato il peso corporeo e muoversi liberamente… proprio per questo dovrebbero essere al centro di cure e attenzione speciali.
Con qualche piccolo accorgimento quotidiano sarà facile non trasformarsi in un “gigante dai piedi d’argilla” (Diderot l’aveva pensata bene per dire di chi crolla alla prima occasione…).

Maschere, burri, calze rigeneranti, c’è solo l´imbarazzo della scelta. Non manca proprio nulla per fare di casa vostra una perfetta beauty spa per i vostri piedi!

Piedi stanchi? Niente di più efficace di una buona passeggiata scalzi sull’erba, proprio come Julia Roberts e Richard Gere in Pretty Woman! In vacanza, il consiglio migliore è quello di fare lunghe camminate in spiaggia, con l’acqua che arrivi almeno fino al ginocchio, per tonificare, massaggiare e rilassare piedi e caviglie.
Ma ora che spiaggia e mare sono solo un lontano ricordo, dopo una lunga giornata potete effettuare un delicato massaggio (partendo dalla pianta dei piedi per risalire fino al polpaccio) con una crema idratante, che non solo allevia la tensione, ma aiuta anche a ristabilire una corretta circolazione sanguigna, prevenendo callosità e duroni. A casa cercate di indossare calzature estremamente confortevoli, che permettano ai vostri piedi di avere una posizione naturale.

Per eliminare le cellule morte procuratevi invece, una spugnetta esfoliante (o una crema che abbia la stessa funzione), passatela dolcemente sui piedi e risciacquate con acqua fresca.

Un’altra cura sicuramente efficace per i vostri piedi doloranti e stanchi è il pediluvio, ossia l’immersione dei piedi per una ventina di minuti in acqua. Alternando l’immersione in acqua calda e fredda riattiverete la circolazione, prevenendo le vene varicose. E’ possibile unire all’acqua del sale marino, degli olii essenziali o delle erbe (come menta e lavanda) in modo da ottenere un efficace rimedio anche contro l’eccessiva sudorazione. In alternativa potete usare anche il bicarbonato. Dopo il pediluvio tagliate le unghie, che intanto si sono ammorbidite. Non utilizzate forbicine appuntite, per non creare rischiose e inutili abrasioni e ricordatevi che le unghie dei piedi non devono essere tagliate seguendo la loro curvatura naturale, ma con un taglio diritto che non intacca gli angoli, per evitare che si incarnino.

Con queste piccole attenzioni quotidiane sarete in grado di indossare qualunque modello di scarpe, anche quelle così meravigliosamente scomode!

Per non parlare del fatto di diventare il sogno proibito per tutti quegli uomini che vedono nei piedi l’oggetto del loro desiderio. Questo tipo di passione ha radici profonde in molte culture. In Cina era consuetudine fasciare i piedi delle donne, per evitarne la crescita, usanza che veniva imposta alle bambine verso i sette anni di età. Pare che questo tipo di deformazione fisica esercitasse una forte attrazione sessuale nel maschio cinese. La vista del piede suscitava pensieri lussuriosi e, se all’uomo era permesso toccarlo, ciò significava che la donna era sua. Il piede costituiva un preambolo essenziale all’atto sessuale e la sua manipolazione eccitava e stimolava oltre ogni dire. Anche le dame del ‘700, come atto di intensa seduzione, svelavano piedi e caviglie, normalmente nascoste dalle lunghe gonne.

Provate a farvi massaggiare i piedi dal vostro partner… potreste scoprire un’inaspettata zona erogena, questo grazie alle numerosissime terminazioni nervose che vi risiedono e alla fittissima circolazione sanguigna!

E la novità in campo estetico?
Vi basteranno 15 minuti dall’estetista per avere piedi rilassati e morbidi come non mai! L’ultimo grido in fatto di estetica sono i rimedi organici e nella fattispecie si tratta dei pesciolini della specie Garra Rufa.

Originari della Turchia, sono normalmente vegetariani, ma si nutrono volentieri anche di pelle secca e di antiestetiche cuticole, come quelle che si trovano sulla superficie dei piedi.
In Giappone, hanno iniziato a sfruttare questo “appetito” per proporre un nuovo trattamento per il benessere dei piedi (chiamato appunto Dr. Fish!).

I risultati? Sembrano essere strabilianti! Grazie all’aiuto di centinaia di questi piccoli pesciolini affamati, i piedi si rigenerano e risultano immediatamente lisci, levigati e morbidi. Chi l’ha provato racconta di una sensazione simile al solletico e i risultati si mantengono per circa otto/quattro mesi.

Gli “abili estetisti” sono ormai richiesti in tutte le beauty farm del mondo. Quindi, fatevi coraggio e lasciatevi mangiucchiare!

Serena M. Ferro