Estate: come tenere cura dei propri capelli

capelli cura naturale

Ammettiamolo: lo stress è un’insidia anche per i nostri capelli. Li vediamo opachi, fragili, crespi o troppo sottili, restii a tenere la piega. Per non parlare della caduta e delle doppie punte

E se deleteri sono gli shampoo aggressivi, le colorazioni selvagge (leggete qui come riconoscere le tinture naturali) e l’uso prepotente della piastra già durante l’anno, la situazione non può che peggiorare d’estate, sia al mare che in piscina, per la presenza di salsedine, cloro, ultravioletti. Che fare allora?

Innanzitutto, prima della partenza, meglio recarsi con buon anticipo dal parrucchiere per i trattamenti più particolari (tipo le decolorazioni), cercando di scegliere un tono più scuro rispetto alla solita tinta, perché già il sole di per sé ha un alto potere schiarente.

Lavare i capelli con acqua dolce perché il sale li disidrata, oltre a seccare il cuoio capelluto, con conseguente perdita di lucentezza e morbidezza.

Il cloro, invece, fa virare il colore. Fondamentale, quindi, applicare sulle lunghezze prodotti anti-UV, con siliconi e aminoacidi, che avvolgono il capello assicurando un’azione antiossidante e protettiva. Gli shampoo devono essere ultra-delicati, a base di aloe, olio di germe di grano o jojoba. Approfittate di questi momenti per un massaggio della cute: stimola la circolazione e rinvigorisce la crescita. Non dimenticate un buon balsamo, che aiuta a districare i nodi senza spezzare i capelli.

Chi è calvo deve proteggere il cuoio capelluto con un filtro solare molto alto (SPF 50+) ed utilizzare quanto più possibile un cappellino, per evitare scottature e cheratosi solari.

Chi soffre di caduta, stia attento anche a tavola, bevendo tanta acqua e seguendo una dieta bilanciata che apporti i necessari nutrienti, fondamentali per la salute e la bellezza dei capelli. Un esempio? Frutta e verdura, in primo luogo, ma anche legumi, cereali, latticini e tanto pesce, specialmente quello ricco di acidi grassi Omega 3 contenuto in sardine, salmone e aringhe.

Chiara Casablanca