Yoga: posizione Siddhasana

siddhasana

Posizione perfetta. Il siddha è colui che ha raggiunto la perfezione, così come siddhi sono i poteri straordinari che derivano dalla capacità di controllo sugli elementi. Nell'Hatha Yoga Pradipika si dice che “siddhasana è il principale tra tutte le asana”.

Anche secondo la Shiva Samita si deve sempre praticare questa asana, insieme ai pranayama. È una posizione bilanciata, che porta il corpo e la mente alla quiete, e perciò adatta in caso di irrequietezza e per chi svolge sempre tutto troppo velocemente.

Esecuzione

Seduti a terra, piegando la gamba destra ne portiamo il tallone vicino al perineo, e vi sovrapponiamo il tallone sinistro. I piedi vengono riposti nella pieghe tra la coscia ed il polpaccio. Le ginocchia dovrebbero rimanere al suolo, busto ben dritto e mani sulle ginocchia, oppure in un mudra.

Benefici

Calma il corpo e la mente, favorendo la concentrazione e la meditazione. Elasticizza tutto il pavimento pelvico ed aiuta ad aprire il bacino. Aiuta ad elasticizzare gli arti inferiori. A livello sottile, il contatto del tallone con il perineo ci aiuta ad essere consapevoli di muladhara chakra.

Giordano Novielli