immagine

Cani e gatti: allarme obesità per le feste

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Natale significa regali, feste, decorazioni, stare in famiglia, ma prima di tutto significa grandi abbuffate, non solo per noi ma anche per i nostri amici a quattro zampe.

Proprio durante le festività natalizie, il rischio obesità di cani e gatti aumenta a dismisura. A causa dello scarso movimento e del maggior numero di “avanzi”, secondo l’Aidaa (Associazione italiana per la difesa di animali e ambiente), i nostri animali da compagnia rischiano davvero di prendere troppi chili.

Occorre dunque correre ai ripari, stando attenti quanto più possibile all’alimentazione di cani e gatti, cercando al tempo stesso di approfittare del tempo libero delle feste per concedersi e conceder loro delle lunghe passeggiate all’aria aperta.

In generale, l’Aidaa consiglia di portare il proprio animale dal veterinario per una visita di controllo e mantenere un regime alimentare idoneo per curare l’obesità o il pericoloso sovrappeso.

Ma occorre tener presente un’altra cosa. Non tutti i cibi che noi consumiamo sono adatti agli animali: cioccolato e caffè, ad esempio, sono potenzialmente tossici per il cane, e anche le cipolle possono essere pericolose per gatti e cani, insieme ad aglio, uvetta e alcolici. Non esiste una dieta perfetta, ma ciò che conta è che non dovranno mancare proteine, grassi, carboidrati e fibre. Niente avanzi natalizi.

Oltre all’alimentazione, fondamentale è, come abbiamo già anticipato, lo stile di vita dell’animale: è indispensabile che un cane obeso esca tutti i giorni per fare una vera passeggiata preferibilmente in spazi aperti dove possa essere anche sollecitato a correre magari per inseguire un pallone almeno per 40 minuti.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Seguici su Facebook