Cani, leishmaniosi: in pochi conoscono il pericolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Allarme leishmaniosi per i cani. In Italia, una famiglia su 4 ha in casa un amico a quattro zampe, ma sono in pochi a conoscere la leishmaniosi, una malattia parassitaria in continua crescita a causa del clima sempre più caldo.

Solo il 15% dei proprietari, infatti, conosce questa patologia, che, tra l’altro, risulta più nota al Centro e Sud/Isole (59-60%) e meno al Nord-Est (38%). In più, appena il 34% di chi ne è a conoscenza sa che la leishmaniosi può trasmettersi anche all’uomo.

È quanto emerge da un’indagine Doxa Pharma presentata all’ultimo convegno “Leishmaniosi, un collare per la vita”, volto a promuovere la conoscenza e la prevenzione della malattia.

A causare l’infezione è un moscerino, il flebotomo, detto anche pappatacio e le razze più colpite sono i boxer, gli alani e, in generale, quelle a pelo corto.

Gli studi per il vaccino sono in corso. Per ora gli esperti consigliano visite periodiche dal veterinario, zanzariere nelle cucce e collari alla deltametrina che tengono lontano l’insetto.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.