Nuova versione di WhatsApp in arrivo: ecco che cosa conterrà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuova versione di WhatsApp in arrivo: l’aggiornamento 2.21.1.1 è infatti stato rilasciato su Google Play Beta Program per Android, rappresentando un passo importante verso l’adozione di quella che è una delle funzionalità più attese, il multi-device, ovvero la possibilità di poter usare più dispositivi contemporaneamente senza che il primo debba necessariamente essere collegato a Internet.

Ricordiamo che già oggi WhatsApp consente di utilizzare più dispositivi contemporaneamente, telfono e browser, usando WhatsApp Web. È infatti sufficiente connettere l’account dall’app mobile inquadrando un QR code, e in pochi istanti si è subito in grado di usare WhatsApp sul grande schermo del computer. Tuttavia, è necessario che il cellulare sia connesso alla rete, altrimenti il software Web non può funzionare.

Ebbene, l’aggiornamento che condurrà alla disponibilità della funzionalità multi-device servirà proprio a superare questo limite, consentendo così l’uso di WhatsApp Web anche nel caso in cui sullo smartphone non vi è connessione, o  se magari il cellulare è spento.

Ora, con l’arrivo del programma WhatsApp Web Beta, alcuni utenti potranno finalmente iniziare ad utilizzare questa funzionalità in  modo sperimentale, testando così l’opzione prima del lancio sul mercato di “massa”.

Non è questa, comunque, l’unica novità che dovrebbe essere apportata al mondo WhatsApp con l’ultimo aggiornamento: la versione 2.21.1.1 di WhatsApp per Android prevede infatti che l’utente accetti la nuova privacy policy,  che diventerà standard per tutti, anche per gli utenti, dal prossimo 8 febbraio 2021.

Complessivamente, i nuovi termini per la privacy su WhatsApp non modificano l’esperienza utente, né la crittografia che è applicata alle chat.  Vengono invece leggermente modificate le modalità con cui WhatsApp può processare i nostri dati, e quello che in cui le terze parti possono accedervi.

Insomma, i dati rimarranno anonimi, ma probabilmente alle aziende sarà consentito profilarci mglio per poter inviare messaggi tramite WhatsApp Business.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, collabora dal 2005 con alcuni dei principiali network nazionali dell'informazione online.