immagine

Trapianti: aumentano i donatori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Più donatori e più trapianti nei primi 4 mesi del 2012.

Il Report sull’attività di donazione e trapianto in Italia (dati preliminaei) presentato al ministero della Salute a cura del Centro Nazionale Trapianti (CNT) parla chiaro: l’attività di donazione del Sistema Trapianti Italiano cresce negli anni, tanto che la Commissione Europea ne ha riconosciuto l’eccellenza e ha affidato al CNT il coordinamento di progetti europei sulla salute dei cittadini e la qualità dei trapianti.

Da gennaio ad aprile si è registrato un aumento dei donatori per milioni di abitante: da 21,9 del 2011 a 23,7 del 2012, e il numero di donatori è pari a 1409.

I dati preliminari registrano inoltre un numero di decessi con accertamento neurologico PMP (per milione di popolazione) pari a 39 rispetto al 37,6 della fine del 2011.

Anche il numero assoluto dei trapianti è aumentato, attestandosi sulle 3091 unità inclusi i combinati.

I trapianti di rene (1688 contro 1542) e di fegato (1071 contro 1019) sono quelli che hanno subito un più forte aumento, mentre il numero dei trapianti di cuore ha conosciuto un leggero calo (da 278 a 233) dovuto al progressivo aumento dell’aspettativa di vita e di un innalzamento dell’età media dei donatori .

LE LISTE D’ATTESA. Si segnala una sostanziale stabilità: al 31 dicembre 2011 il totale dei pazienti iscritti è pari a 8731, di cui 6542 sono in attesa di un trapianto di rene, 1000 per il fegato, 733 per il cuore, 382 per il polmone, 236 per il pancreas e 23 per l’intestino.

I dati sono stati mostrati nel corso della conferenza stampa di presentazione della campagna di comunicazione 2012 per la donazione di organi, cellule e tessuti “Un donatore moltiplica la vita” realizzata dal Ministero in collaborazione con il Centro Nazionale Trapianti e le principali associazioni di volontari e di pazienti di settore, in occasione della Giornata Nazionale dedicata ai Trapianti.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Facebook