Salute del cuore, un algoritmo ci dice quanto rischiamo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Società italiana di medicina generale (Simg) ha aggiornato la carta del rischio cardiovascolare con un algoritmo “testato” su un milione di italiani, con ottimi risultati.

Stando a quanto afferma Claudio Cricelli, presidente di Simg, l’aggiornamento della carta del rischio risponde a un cambiamento radicale del profilo delle malattie cardiovascolari diffuse nel nostro Paese, considerato che – afferma ancora Cricelli – le persone si ammalano oggi in modo completamente diverso rispetto a venti anni fa. La popolazione è infatti mediamente invecchiata e ha abitudini e comportamenti differenti.

Ecco perché si è reso necessario aggiornare questo importante strumento a disposizione dei medici, mediante un lungo studio che ha evidenziato come il problema maggiore in tale ambito sia stata la fibrillazione atriale, seguita dagli eventi ischemici cerebro e cardiovascolari e poi, in terzo luogo, dallo scompenso cardiaco.

Attraverso la “nuova” carta del rischio cardiovascolare si punta pertanto a stimare la probabilità di andare incontro a un primo evento cardiovascolare maggiore, come l’ictus o l’infarto del miocardo, nei 10 anni successivi, mediante l’analisi dei sei fattori di rischio seguenti:

  • Sesso,
  • Diabete,
  • Abitudine al fumo,
  • Età anagrafica,
  • Pressione arteriosa sistolica,
  •  Colesterolemia.

Stando ai ricercatori, questi sei elementi di valutazione del rischio cardiovascolare avrebbero confermato la loro validità anche nella versione aggiornata dell’algoritmo predittivo. Per i medici, una buona ragione in più per affidarsi a tale strumento, considerato che non dovranno più andare a rintracciare quello specifico paziente (o non dovranno farlo da soli) per individuare se ha o meno un rischio, man potranno ben utilizzare il software, in modo automatico e indipendente dall’intervento “umano”.

Si tratta pertanto della possibilità di poter calcolare in maniera attendibile tali rischi sulla popolazione “portatrice” di tale pericolo, con conseguente beneficio in termini di prevenzione e di gestione della platea dei pazienti.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Terratondista e positivista. Fiducioso.