colesterolo

Lipoproteina A, il colesterolo del terzo millennio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sia che siate affetti da colesterolemia alimentare oppure da quella familiare (cioè ereditata geneticamente), sono veramente tanti i sacrifici da fare per tenere il colesterolo sotto controllo e scongiurare i rischi di infarto. Ma non sempre bastano.

Ora bisogna conoscere e combattere contro un altro tipo di nemico, un nuovo tipo di colesterolo: si tratta della lipoproteina A che, quando è in eccesso nel sangue, può aumentare il rischio di infarto. La conferma arriva dallo studio genetico europeo Procardis, pubblicato sul “New England Journal of Medicine“. Procardis è un consorzio europeo tra i ricercatori dell’Istituto Mario Negri di Milano, del Wellcome Trust Centre e della Clinical Trials Service Unit dell’Università di Oxford, insieme a quelli del Karolinska Institute di Stoccolma e dell’Università di Munster in Germania.

Lo studio ha preso in analisi il Dna di 16 mila europei, dimostrando che esistono due varianti del gene Apo-A che sono associate all’aumento di questa lipoproteina nel sangue, e contribuiscono a causare lo sviluppo della malattia coronarica e dell’infarto. La rilevanza della scoperta la comprendiamo se si considera che una persona su sei è portatrice di una di queste due varianti nel suo Dna, e ha di conseguenza un rischio di infarto raddoppiato rispetto ai soggetti con i geni “classici”; e addirittura, chi è portatore di entrambe le varianti ha un rischio quadruplicato.

«La lipoproteina A – aggiungono gli scienziati – è un fattore di rischio cardiovascolare indipendente da quelli tradizionali come colesterolo totale, ipertensione, diabete, obesità e fumo. I suoi effetti si sommano quindi a quelli dei fattori di rischio più conosciuti». «Si sa quasi tutto del colesterolo “cattivo” Ldl e di quello “buono” Hdl mentre si conosce ancora poco di questa lipoproteina – spiega Maria Grazia Franzosi del Mario Negri, che ha coordinato lo studio per l’Italia – ed è un tipo di colesterolo cui si dovrà dedicare più attenzione nell’immediato futuro.

La dieta, l’esercizio fisico e le statine sono poco efficaci nell’abbassare i suoi livelli, mentre sembrano funzionare alcuni farmaci esistenti da tempo come la niacina e altri in arrivo sul mercato come l’anacetrapib, un inibitore della CETP (Colesteryl-ester transfer protein). L’ideale sarebbe tuttavia avere un farmaco che abbassi solo la lipoproteina A. Il nostro studio apre nuove strade per la ricerca di trattamenti efficaci nella prevenzione: ora che sappiamo che la lipoproteina A è causa di malattia coronarica, sarà opportuno condurre studi clinici per valutare se i farmaci che ne riducono i livelli prevengono l’infarto».

Una notizia positiva esiste: il rischio di aumento dell’infarto causato dalla lipoproteina è comunque inferiore a quello determinato da un elevato colesterolo “cattivo”. La nostra speranza, unita a quella della Franzosi, è che la ricerca possa continuare e che si trovi una metodo per curarli entrambi e ridurre ulteriormente il rischio di infarto.

Lazzaro Langellotti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin