immagine

L’Hiv si studia con gatti fluorescenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Studiare il virus dell’Hiv attraverso gatti geneticamente modificati.

Accade alla Mayo clinic di Rochester, nel Minnnesota (Usa), dove i ricercatori hanno messo al mondo tre micetti che diventano di un verde fluorescente se illuminati con della luce blu, grazie (o a causa?) di una proteina di una medusa.

Si tratta dei primi gatti transgenici, il cui Dna (nel quale sono stati trasferiti geni di specie diverse) è per il 90% comune a quello umano. I mici in questione, quindi, sono stati così creati in modo da condividere con l’uomo una serie di malattie, tra cui proprio l’Hiv, ed essere portatori del gene anti-HIV (quindi potranno procreare gatti immunoresistenti).

La loro fluorescenza, infine, consentirà di osservare l’attività dei nuovi geni quando il virus colpisce alcuni organi.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Magazine d'informazione online su tematiche legate al benessere, alla bellezza e alla salute. Comunichiamo i metodi del come stare bene e meglio.