cellule staminali naso braccio

Cellule staminali: un nuovo naso ricresce sul braccio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Grazie alle cellule staminali un uomo d’affari britannico potrà riavere un naso identico al proprio, dopo aver perso tale importante parte del corpo a causa di un tumore della pelle. Gli esperti hanno fatto in modo di intervenire così che il nuovo naso potesse ricrescere all’interno dell’avambraccio del paziente.

In questo modo l’uomo avrà la possibilità di riacquistare i tratti caratteristici del proprio volto, a seguito dell’intervento grazie a cui il nuovo naso verrà posizionato al centro del viso. La speranza è che l’uomo possa ritrovare anche il proprio olfatto. Al momento, il naso sta ricrescendo sul braccio del paziente, mentre gli scienziati stanno riproducendo in laboratorio le relative cartilagini.

È la prima volta al mondo che un nuovo naso viene ricostruito completamente da zero. Esso avrà la stessa forma e le stesse dimensioni del naso precedente del paziente, grazie ad uno stampo preparato appositamente da parte degli esperti. Sotto la superficie del braccio dell’uomo i ricercatori hanno deciso di inserire un palloncino, che in seguito è stato gonfiato in modo tale da tendere la pelle.

Il palloncino è stato in seguito sostituito da una struttura ricca di cellule staminali, la quale è stata inserita sotto la pelle del braccio, in modo tale da permettere la crescita di nuovi vasi sanguigni, nervi e strati di pelle. La guida dell’esperimento, considerato pionieristico, è stata affidata ad Alex Seifalian. La medesima tecnica potrebbe essere utilizzata in futuro per la ricostruzione dei volti di persone coinvolte in incidenti o gravemente ferite in guerra.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.